Servizi
Contatti

Eventi


Note critiche a
Etica e società (2009)

Silvano Demarchi
“Literary.it”, Padova, ott. 2009

“Gli argomenti del saggio vengono precisati nel sottotitolo: Riflessioni su prostituzione, televisione, sessualità, pudore, società alienata, ossessione ed educazione sessuale, donna e famiglia. Come si vede, argomenti di grande attualità, quell’attualità che per il suo degrado crea disgusto e disorientamento, a incominciare dalle trasmissioni televisive, dove trionfano le veline che mettono in mostra il loro corpo, indubbiamente bello e seducente, ma che ‘per contratto devono infondere una continua eccitazione sessuale negli spettatori’. Le femministe gridano allo scandalo ma non si accorgono che gli stupri che avvengono assieme ad altre violenze sulle donne dipendono anche dalle provocazioni che le donne esercitano sull’uomo col loro modo di vestire, il quale non è immune dalle tentazioni: ‘Quindi la richiesta di pene più gravi per le violenze sessuali, periodicamente avanzata dalle femministe, sarebbe apprezzabile soltanto nel caso che non siano le femministe stesse, e ad ogni modo le femmine, a provocare le suddette violenze con abbigliamenti e comportamenti...’ Un vero scandalo è dato dalla prostituzione sulle strade, che non esiste, almeno in tale misura, in quei paesi dove sono consentite le case di tolleranza: e pensare che S. Tommaso diceva che ‘la prostituzione va tollerata per evitare mali peggiori’, come ad esempio le malattie veneree. L’autore, cattolico, condanna anche l’esagerazione opposta, rappresentata dalla Chiesa cattolica che ‘se continuerà a proibire il matrimonio ai suoi sacerdoti e il sacerdozio alle donne, potrà rischiare ‘d’andare in fallimento per mancanza di vocazioni’. E aggiungiamo che richiedere la castità fino al matrimonio, che per varie ragioni non avviene più in giovane età, lascia quanto meno perplessi. Se tuttavia l’atteggiamento conservatore della Chiesa non fa più presa sulla gente, ciò che sgomenta è la libertà sessuale oggi in voga, anche tra i giovanissimi, le continue sollecitazioni offerte dalla TV, la diffusione dell’Aids, verso le quali la critica di Ciccia è sferzante e condivisibile. L’autore arricchisce questa descrizione del costume con continue citazioni letterarie (Mazzini, Carducci, Leopardi) e da noto dantista non manca di citare versi del divino poeta (‘l’andar mostrando con le poppe il petto’) o casi come quello di Jacopo Rusticucci, divenuto sodomita per la frigidità della moglie, assieme ad altri casi relativi alla sessualità. Accanto alla pars destruens, l’autore, da educatore quale è stato nella sua attività di professore e preside, avanza la seguente proposta: ‘I giovani potrebbero essere educati ad orientare le proprie pulsioni sessuali verso incontri d’anime, oltre che di corpi: non in passeggere avventure, ma in intrecci di vite, con chiari progetti di comune avvenire, per costituire e mantenere forti intese di sentimenti e di caratteri, consolidate dalle gioie della prole e capaci di durare per sempre.’ Ci auguriamo che questa non sia una vox clamans nel deserto, ma che serva ad aumentare i consensi di coloro che hanno responsabilità morali ed educative.”

autore
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza