Servizi
Contatti

Eventi


Note critiche a
Specimina Latinitatis (2010)

Silvano Demarchi
“Sentieri molisani”, Isernia, gen.-apr. 2011

Carmelo Ciccia, noto critico letterario, con quest’opera ha voluto raccogliere composizioni e interventi in lingua latina, tenuti pubblicamente in varie occasioni. L’autore, italianista e latinista, tratta vari argomenti, come si evidenzia già dall’indice, che così si articola: Vitae, Ad Ecclesiam catholicam, Varia, Existimationes librorum, Appendix. Egli parla quindi di Dante, di Petrarca, di cultori della latinità, per passare alle tematiche della Chiesa cattolica, fra cui la controversa questione del celibato ecclesiastico. L’ultimo capitolo è dedicato ad autori recenti come Vincenzo Rossi o Mario Marzi traduttore dei Carmina catulliani e Sebastiano Saglimbeni delle Georgiche virgiliane. Conclude il libro una nota biografica, sempre in latino, da cui si evince che l’Autore, nato da famiglia numerosa e povera, riuscì coi suoi mezzi e la sua forza di volontà a conseguire la laurea in lettere, a divenire poi assistente universitario e professore di Liceo e preside, ultimamente a Conegliano Veneto. Un esempio di tenacia e di smisurato amore ai classici. La sua prosa latina è scorrevole, di non difficile lettura per chi ha una discreta conoscenza della lingua; ci pare più vicina a Tacito che a Cicerone per quella concisione del periodare che non si concede divagazioni ma si attiene rigorosamente all’argomento.


Angelino Cunsolo
“Ricerche”, Catania, gen.-dic. 2010
“Sicilia sera”, Catania, 31.XII.2010

Nel secolo corrente è risultata interessante la monografia in latino del prof. Carmelo Ciccia ‘Ioannes Baptista Nicolosius’ nella rivista vaticana ‘Latinitas’ (dicembre 2000).


A. T., Treviso
“Literary.it”, Padova, 27.XI.2007

In una delle mie abituali passeggiate all'interno di Literary mi sono imbattuto nei materiali scritti in latino del prof. Carmelo Ciccia. La cosa mi ha molto incuriosito, sia perché mi ha riportato alla memoria il latino dei miei anni di liceo che per aver trovato all'inizio di questo terzo millennio in uso una lingua da più parti definita ‘morta’.


autore
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza