Servizi
Contatti

Eventi


All'amico Vincenzo Leggieri
che non è più tra noi

Giovedì scorso, 7 febbraio 2013, è mancato il nostro poeta Ucai, Senatore Vincenzo Leggieri, appena due ore dopo che ci eravamo sentiti telefonicamente. Ci eravamo salutati affettuosamente, io con il rammarico di non averlo più qui, lui con una grande nostalgia di tutti noi e dei nostri incontri padovani. Chiudeva con una calorosa preghiera di salutare tutti, ad uno ad uno, con tutta l'amicizia e ...l'affetto che gli scaturiva dalla voce e dal cuore.

Mi pare di udirlo ancora…
Proprio quel giorno mi era giunta la sua ultima pubblicazione, Cartoline antelucane (Osanna Edizioni, febbraio 2013), con ‘lettera dedicatoria’ a tutti gli amici poeti e non, ancora calda di stampa, che termina: così se ne va... l'uomo delle alterne stagioni... Se ne va cercando. 'O' nell'infinito: il finito è in lui.
Vi saluto con un addio.

Ecco una delle tante stupende poesie del libro:

Povera rosa,
altera sul lungo stelo
tra foglie verdi
che ti fanno la corte,
volevi essere un messaggio d’amore,
un bacio sulle labbra,
un segno di tenero affetto,
fosti lasciata languire
sul desco del quotidiano sopravvivere
tra briciole di pane secco
di cui si alimentavano
i giorni residui.
L’oscuro nemico
era in agguato.

© Vincenzo Leggieri

° ° °

Padova, 14 febbraio 2013

Caro Vincenzo,
ci hai lasciato profondamente addolorati, con un vuoto incolmabile. Ci consola l'averti conosciuto, profondamente grati di averci donato la tua preziosa amicizia, condiviso le tue pregnanti poesie, la garbata ironia, la finezza d'animo, l'umanità e tanto, tanto altro ancora... Tutto questo condividiamo con la tua cara Alda cui esprimiamo tutta la nostra vicinanza con sincero affetto.
Ciao Vincenzo! Prima o poi anche noi ci verrà a prendere il battello, allora ricomporremo il nostro cenacolo di poeti in paradiso.
Ti sei già incontrato con Italo Gatti, Gabriella Villani, Giampiero Giuliucci e monsignor Fernando Pilli? Anche loro si trovano da quelle parti... Cercali, ricomponi il Gruppo, fa in modo che quando ti raggiungeremo troveremo già il nostro posto vicino a voi; chissà quante belle recite faremo a Nostro Signore...
Ti salutiamo come sempre, ciao Vincenzo!

I tuoi amici poeti Ucai di Padova

© Luigina Bigon

autore
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza