Servizi
Contatti

Eventi


Informazioni
Ricerca
Autori
Gruppi Letterari
Riviste Letterarie

Bacilieri

Gabriele (Valpolicella a Fumane 1944), scrittore, vive a Padova dal 1966. Studia a Verona e si laurea a Padova. Dal 1970 al 2001 insegna negli Istituti superiori serali ed ha modo di “osservare da un punto di vista privilegiato i differenti ‘sessantotto’ di chi contesta e fa il rivoluzionario di giorno, senza problemi di vitto e alloggio, e di chi prima di fare la rivoluzione deve lavorare per vivere. Rari sono i ventenni ‘diurni’ che hanno l’onestà critica di asserire che l’orgia di anarchia famigliare, sessuale, scolastica, istituzionale è follemente inebriante per sé stessa; i più sentono il bisogno di giustificazioni libertarie che non reggono ad una critica serrata. Gli studenti adulti delle serali, invece, hanno come un fondo inconscio che li rende molto pratici: sanno che è più facile distruggere che costruire; sembrano meno idealisti e sognatori ma più ricchi di sete vitale. I due filoni della stessa generazione vanno avanti paralleli fino agli anni ’90: dai primi anni Ottanta sbucano i paninari e su su fino ai no global”. Nel 2001 lascia l’insegnamento e torna alla scrittura, attività a cui si era dedicato nei primi anni Settanta (in concomitanza con la nascita della prima figlia), come collaboratore del “Gazzettino di Padova” per la critica musicale e teatrale e coautore di sceneggiature cinematografiche. Nel 2003 pubblica il romanzo Suoni e ultrasuoni.

Sulla sua attività letteraria hanno scritto: M.P. Codato «Sdraiarsi sui prati, inoltrarsi nei boschi, inerpicarsi per sentieri, raggiungere cascate, muoversi tra balzi e vallate, tra distese di càrpini e nocciòli... lasciare alle spalle i rumori della città, per ascoltare altre voci. È un’esperienza entusiasmante vissuta da un gruppo di giovani … esperienza che tutti dovrebbero fare per scordare la parola noia. E le pagine del libro lo insegnano.»; S. Malè «Un racconto d’amore che guida alla scoperta di ciò che sta dietro al reale … filo conduttore la progressiva esplorazione di una valle incantata tra i monti veronesi, dove un vecchio saggio guida i protagonisti e li invita a riflettere sulle proprie vite, ma anche su ciò che ha vissuto la montagna...»; L. Nanni «Un romanzo impegnativo… lo stile emerge in modo netto seguendo la logica della storia… con quell’accuratezza formale oggidì trascurata da tanti autori; così, parte narrata e dialogica costituiscono l’unità espressiva, e ne esce – per chi sa leggere oltre le parole – il significato singolo e complessivo nella sua profondità.».

autore
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza