Servizi
Contatti

Eventi


Informazioni
Ricerca
Autori
Gruppi Letterari
Riviste Letterarie

Bova

Giancarlo (Santa Maria Capua Vetere 1951), storico, vive a Santa Maria Capua Vetere. Storico di Capua e della civiltà di "Terra di Lavoro tra Antichità e Medioevo", è tra i maggiori studiosi del Sud Italia e il massimo esperto dei poderosi Archivi Ecclesiastici di Capua. È stato a Napoli allievo di Jole Mazzoleni, la maggiore paleografa italiana del XX secolo, nonché corrispondente degli storici tedeschi Norbert Kamp e Hans Martin Schaller, dei quali è considerato uno dei figli scientifici. B. ha collaborato tra l’altro con le Università di Napoli e Cassino, è membro della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro (Caserta), Consigliere di Amministrazione della Fondazione e Museo Piazzolla (Roma) e Accademico Teodoriano, membro del comitato scientifico internazionale della rivista "Theoretical and Empirical Researches in Urban Management" dell’Accademia di Studi Economici (Bucarest). In particolare ha lavorato per un decennio alla Sovrintendenza Archivistica per la Campania (Napoli), all’Archivio di Stato di Napoli, all’Archivio del monastero di Cava dei Tirreni (Salerno), all’Archivio di Stato di Caserta, all’Archivio di Stato di Venezia. È stato inoltre redattore delle seguenti riviste scientifiche nazionali: “Benedictina” (Roma), “Studi Magrebini” (Istituto Universitario Orientale, Napoli), “Studi Storici e Religiosi” (Capua). Attualmente dirige le Collane di studi storici “Corpus membranarum Capuanarum. Fonti e Studi” e “Civiltà e radici di Terra di Lavoro”, per conto delle Edizioni Scientifiche Italiane, con sede a Napoli.

Ha pubblicato i volumi di saggistica storica: Surici e Medici nella Capua Vetere e nella Capua Nuova medievali (1995), Tra Saduciti e Burlassi nella Capua Vetere medievale (1996), Le pergamene normanne della Mater Ecclesia Capuana (1091-1197) (1996), Le pergamene sveve della Mater Ecclesia Capuana (1201-1228) (1998), Le pergamene sveve della Mater Ecclesia Capuana (1229-1239) (1999), Le pergamene sveve della Mater Ecclesia Capuana (1240-1250) (2001), La vita quotidiana a Capua al tempo delle Crociate (2001), Capua cristiana sotterranea. Sant’Angelo in Formis, cultura, santità, territorio (2002), Le pergamene sveve della Mater Ecclesia Capuana (1251-1258) (2003), Tra Capua e l’Oriente. I Medici (2004), Sulle orme di Pietro. La basilica di S. Pietro Apostolo nell’antica Capua (2004), Le pergamene sveve della Mater Ecclesia Capuana (1259-1265) (2005), Il sacerdote Pasquale Vastano (1881-1961) (2006), Civiltà di terra di lavoro. Gli stanziamenti ebraici tra antichità e medioevo (2007), La chiesa di Maria Ss. Assunta in Cielo in S. Maria La Fossa (2007), Le pergamene longobarde della Mater Ecclesia Capuana (787-1055) (2008), Le pergamene angioine della Mater Ecclesia Capuana (1266-1269) (2008), Il sacco di Capua (24 luglio 1501) (2009):

Le sue opere sono state esposte ai Saloni Internazionali del Libro di Napoli, Roma, Parigi, Francoforte e Tokio. In particolare sono considerati fondamentali i suoi studi sulle Scuole Mediche Capuane, sulla presenza di Daniti, Siriaci, Medici, Maccabei e Sadducei in Terra di Lavoro, sulla basilica di S. Angelo in Formis, sulla chiesa di S. Maria la Fossa. Nel 1993 è stato relatore a Caserta al Convegno Nazionale di Studi sul tema: “Caserta e la sua diocesi in età moderna e contemporanea”. Nel 2002 è stato relatore a Firenze al Convegno Internazionale di Studi: “Nuove ipotesi sull’origine della famiglia Medici”, meritando l’attenzione della stampa nazionale e internazionale. Ha ricevuto tra l’altro riconoscimenti dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, da Ambasciate straniere, dalle maggiori Biblioteche d’Europa, dal Centro Studi sull’Ebraismo Italiano (Jerusalem), dal Welcome Institute of History of Medicine (London), dal Pontifical Institute of Mediaeval Studies (Toronto), dall’École Pratique des Hautes Études (Sorbonne), dall’Istituto Storico Germanico in Italia (Roma), dalle Università di Roma, Aix-en-Provence, Monaco, Gottinga e Bonn.

Numerosi sono i saggi e gli articoli pubblicati su riviste specialistiche e di divulgazione:

sul Medio Evo: Il regesto dell’abate Golferio, «Benedictina», 1 (1976), Il 1° regestrum domini abbatis Maynerii (1341-1366) conservato presso l’Archivio cavense, «Benedictina», 2 (1977), I frammenti 17/I arca XI e 17/II arca XI dell’Archivio cavense, «Benedictina», 1 (1978), Il IV registrum domini abbatis Maynerii (1341-1366) conservato nell’Archivio cavense, «Benedictina», 2 (1980), Documenti dell’Archivio di Stato di Venezia concernenti il principe ottomano Ğem, «Studi Magrebini», 12 (1980, in coll. con A. Gallotta), La basilica simmiana in S. Maria C.V. Cenni storici, S. Maria C.V. 1991, Le carte documentarie capuane (per un’indagine socio-religiosa di Terra di Lavoro), «Studi Storici e Religiosi», 1 (1993), Bonifacio VIII (1294-1303), in I Papi a Capua tra cronaca e storia, Capua 1992, Prefazione a E.R. Galbiati, Santa Teodora Augusta, Capua 1995, A proposito di S. Maria Suricorum, S. Maria C.V. (1995), A proposito di S. Angelo Informis, S. Maria C.V. (1995), Berolasi (contributo alla storia della Capua Vetere), S. Maria C.V. (1995), Due concessioni arcivescovili capuane del XIII secolo, «Servizio di Comunione. Rivista diocesana di Capua», 1 (1995), L’episcopato normanno a Capua e l’inedito manoscritto di Gabriele Iannelli, «Studi Storici e Religiosi», 1 (1998), L’Archivio Storico Arcivescovile di Capua, in C. Carfora, L’erudizione storica a Capua (Iter Campanum, 5, a cura di G. Vitolo), Salerno 1998, Note in margine alla storia delle basiliche paleocristiane di Capua antica. In appendice: S. Tammaro, una cappellina piena di storia (Studi archeologici, storici ed umanistici, 4, a cura di G. Centore), Capua 1999, I più antichi vescovi di Capua e l’inedito manoscritto di Gabriele Iannelli, «Studi Storici e Religiosi», 2 (1999), Per una storia della fondazione delle basiliche paleocristiane di Capua antica: Ss. Apostoli, S. Maria Maggiore, S. Pietro in Corpo, «Benedictina», 1 (2000), Una lettura provvidenziale, in G. Centore, Rapsodia ebraica, III, Napoli 1999, L’apostolicità della sede vescovile di Capua: una “vexata quaestio”, «Benedictina», 2 (2000), Per una storia di Capua cristiana: i cimiteri paleocristiani, «Benedictina», 2 (2001), Nuove ipotesi sull’origine della famiglia Medici (a cura del Comune di Firenze), Firenze 2002, San Tammaro: santità eresie habitat, in Id., Capua cristiana sotterranea, cit., Napoli 2002, Il Pontificale e il Breviario dei più antichi vescovi di Capua: da un manoscritto inedito di Gabriele Iannelli , in Id., Tra Capua e l’Oriente. I Medici, cit., Napoli 2004, Un insediamento normanno nel Sud d’Italia: il caso di Pantuliano, «Le Muse», 1-2 (2005), Dieci anni di attività con la Fondazione Piazzolla: le pergamene di Capua e gli Ebrei, «Fermenti», 36 (2006), mentre sono di imminente pubblicazione: I vescovi longobardi di Capua e l’inedito manoscritto di Gabriele Iannelli, in Id., Le pergamene longobarde di Capua, cit., Ebrei e mercanti stranieri a Capua in età svevo-angioina, in Tra storia e urbanistica. Colonie mercantili e minoranze etniche in Campania tra Medioevo ed Età Moderna, a cura di G. Vitolo; La datazione dei documenti medievali, «Fermenti», 1 (2009), 145ss.

sull'Età Moderna: Ricordando Alfonso Capecelatro cardinale arcivescovo di Capua. Carteggio Capecelatro-Vastano e altre lettere, «Benedictina», 2 (1989), Ricordo del maestro elementare Ettore Bova a trent’anni dalla sua scomparsa, «Capys», 22 (1989), Il Capecelatro e la soppressione degli ordini religiosi negli scritti del 1860-70, «Benedictina» 1 (1991), Pietro nel pensiero del Capecelatro, S. Maria C.V. 1991, Cenni storici sul Capitolo della Collegiata di S. Maria C.V. Da un ms. del canonico Pasquale Vastano (1881-1961), «Capys», 23 (1990), A proposito dell’abate Pappalettere, «Benedictina», 2 (1990), Un falso furto di oggetti preziosi nell’Archivio di Montecassino nel 1866, «Benedictina», 1 (1991), A proposito dell’abate Diamare, «Benedictina», 2 (1991), L’erezione in parrocchia delle chiese dell’Assunzione e di S. Antonino martire nei pressi di Cassino (1920), «Benedictina», 1 (1992), Pietro e Paolo nel pensiero del Capecelatro, «Benedictina», 2 (1992), L’Associazione di Mutuo Soccorso Reduci delle Patrie Battaglie di S. Maria C.V. e il garibaldino Nicola Vastano (1843-1913), «Capys» 24-25 (1991-92), La biblioteca sammaritana del canonico Vastano (1881-1961), «Capys», 26 (1993), Carteggio Sturani-Capecelatro, «Capys», 27 (1994), Uno sventato attentato al Capecelatro in S. Maria C.V., «Benedictina» 1 (1995), Il clero della diocesi di Caserta e la Terra di Lavoro tra fine Ottocento e metà Novecento, in Aa. Vv., Caserta e la sua diocesi, vol. II, Chiesa e società vescovi clero e vita religiosa, a cura di G. De Nitto e G. Tescione, E.S.I., Napoli 1995, Capua e S. Maria C.V. all’arrivo del Capecelatro, «Capys», 28 (1995), Il Capecelatro e l’alba del XX secolo nel Seminario di Capua e in S. Maria C.V., «Capys», 29 (1996), Sorveglianza poliziesca anticlericale a S. Maria C. V. nel 1878 e il caso di Donato Giannotti (1828-1914), «Benedictina», 1 (1997), Relazioni tra gli abati di Montecassino, il cardinale Capecelatro e la Prefettura di Terra di Lavoro, «Benedictina», 2 (1997), L’arcidiacono Raffaele Musone nel ricordo dei suoi discepoli, «Studi Storici e Religiosi», 1 (1997), Carteggio De Bottis-Galante, «Studi Storici e Religiosi», 2 (1998), Note di cronistoria di preti militari: la battaglia sul Volturno e la Grande Guerra, «Studi Storici e Religiosi», 1 (1999), Note sui rapporti tra clero e monarchia a Capua ai primi del Novecento, «Benedictina», 1 (1999), Ricordo di don Bernardo Paoloni o.s.b., «Benedictina», 1 (1999), Un tavolino pieno di storia (Il Reggimento di cavalleria “Caserta” a Capua nel 1884), «S.P.Q.C.», 1 (1999), Una lettera provvidenziale del cardinale Capecelatro a favore della chiesa di S. Maria delle Grazie nella Capua Vetere, «Benedictina», 2 (1999), Un cultore di memorie benedettine a Capua, l’avvocato Pasquale Parente (1887-1923), «Benedictina», 1 (2001), Ricordo di Suor Generosa Iodice della Chiesa di Capua, Capua 2002, Between History and Town-planning: Romanian, Russians, Greeks, Hungarians and Saracens in "Terra di Lavoro during the Middle Ages", «Theoretical and Empirical Researches in Urban Management», 4 (2007), 67-76; Between History and Town-planning: Danitis, Maccabees, Sadducees, Medicis, Suricis, Christians and Marranos in "Terra di Lavoro during the Middle Ages", «Theoretical and Empirical Researches in Urban Management», 2 (2009), 71-81. Numerose sono le recensioni che ha reso a volumi di saggistica storica.

autore
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza