Servizi
Contatti

Eventi


Informazioni
Ricerca
Autori
Gruppi Letterari
Riviste Letterarie

Faggella

Marino (***), saggista, vive a Potenza. Laureato in lettere classiche presso l’Università “Federico II” di Napoli è professore ordinario di Italiano e Latino nel Liceo Classico “Q.Orazio Flacco” di Potenza. Già da cinque anni svolge attività di docenza presso la Scuola di Specializzazione dell’Università di Basilicata. La sua lunga esperienza professionale, la partecipazione ad esperienze  in qualità di  formatore dei formatori, di orientamento e di sostegno ai docenti, è testimoniata dall’attività di aggiornamento in qualità di realizzatore di progetti, di ricerca e innovazione didattica (vedi Latina didaxis, aggiornamenti sulla didattica del latino nella scuola liceale, tenuto presso l’Università della Basilicata e diffuso già da un anno su “Tracciati”), di coordinatore e docente relatore in corsi e seminari svolti “intra moenia” e all’esterno con partecipazione di enti quali Università, Irre, Cirmes, Usb, Unilabor, etc.

Si è già occupato di studi storici, classici e moderni, pubblicando su Orazio articoli e saggi: Il mito del poeta e la fortuna di Orazio in Conoscere Orazio (Potenza 1991; Orazio e il potere in "Il Bimillenario Oraziano; Saggi e convegni oraziani (“Basilicata Regione”, n. 2, anno VI, 1993); Orazio, il “pater optimus” e i luoghi della memoria (“Dismisura” gennaio 2004); Lucanità di Orazio (“Silarus” n.233-34, 2004); Orazio, da Epicuro ad Aristippo (“Dismisura” ottobre 2004); Orazio, analisi dell’ode proemiale del 1° libro “et alia” (“Tracciati”, aprile 2004).

Ha pubblicato i volumi: L. Sinisgalli, un poeta nella civiltà delle macchine (1996, saggistica), Il nulla nominato, studi sul pensiero e sull’opera di G. Leopardi (2002-05, saggistica), Sulla Via Appia ad incontrar le Muse, lucanità di Orazio ed altri saggi (2005, saggistica), Il 600 (2006, ipertesto), Ai piedi del Cristo. Maratea tra memoria storica e vocazione turistica (2007, saggistica).

I suoi interessi di studioso sono stati rivolti, inoltre, a temi di linguistica e critica letteraria (Genesi e caratteri dello strutturalismo dal formalismo russo alla semiotica; La critica militante di L. Sinisgalli; Manzoni tragico; L. Pirandello, dalla narrativa al teatro; Leopardi-Proust, la ricerca del tempo e il procedimento della memoria involontaria; G.Leopardi, natura e ragione e il reagente della religione); e particolarmente alla storia e alla cultura del Sud e della Lucania ( Federico II in controluce; Storia di Ruggiero di Lauria; Da Levi a Scotellaro; Il clima culturale del dopoguerra e la letteratura lucana dell’impegno; La vetusta Maratea). Ha svolto consistenti indagini e studi su L.Sinisgalli, apparsi a più riprese su riviste e periodici quali: “Silarus”, “Avanguardia”, “Nuova Paideia”, “BasilicataRegione”, La Procellaria, “Quaderni di Humanitas”. L’interesse per l’autore del Furor ha prodotto il consistente saggio monografico:

Sulla sua produzione letteraria hanno scritto, tra gli altri: A. Coppola [Sulla via Appia...] «Un libro convincente, puntuale e di facile accesso e di memoria tenax. F. ci ha riportato con la mente e col cuore al mondo della Venosa del poeta in cui nacque nel 65 a.C. Orazio. Non si può disconoscere il fervore e la passione che ha messo F. per non farci mancare la lucanità, il segno delle sue origini che meglio di ogni cosa traducono e inquadrano il personaggio nelle sue volute, in quella giovinezza crepuscolare, poi tormentata, dalla vita delle città.»; R. Faggella [Sulla via Appia...] «Quanto alla struttura del libro mi pare opportuno avvisare il lettore che intorno al nucleo della cosiddetta "lucanità" di Orazio, vista comunque da una rinnovata angolazione, l'autore ha voluto raccogliere altri studi oraziani di contenuto diverso, sui quali negli ultimi anni ha avuto modo di esercitare la sua riflessione critica.»; N. Longo [Il nulla nominato...] «...il coraggio con cui F. ha saputo affrontare i nodi fondamentali della critica leopardiana, senza timori reverenziali e senza presunzione, ma con la consapevolezza delle difficoltà della sua ricerca. Grande merito gli va riconosciuto nell'aver scelto di far prevalere i testi del suo autore e di esprimere il proprio punto di vista a partire da questi. Il che mi sembra, anche, una buona lezione di metodo.»; P. Pasquini [Leonardo Sinisgalli...] «...Sinisgalli trova in questa affettuosa introduttiva monografia di un suo cultore, lucano come lui, una collocazione di confine tra musa tecnologico-matematica e musa letteraria. ...il lavoro di F. vuole peraltro essere un contributo ad una auspicata edizione, tuttora mancante, dell'opera omnia sinisgalliana.»; E. Salati Di Jaconi [Il nulla nominato...] «Il saggio riveste un tale interesse che si è obbligati quasi a riportare il contenuto dei capitoli, ognuno dei quali illumina poliedrici aspetti della eccelsa arte leopardiana.».

www.lucaniainrete.it

www.graffinrete.it

www.basilicatanet.com

autore
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza