Servizi
Contatti

Eventi


Informazioni
Ricerca
Autori
Gruppi Letterari
Riviste Letterarie

Napolitano

Giuseppe (Minturno 1949), poeta e saggista, vive a Formia. Laureato in Lettere a Roma con una tesi sul Teatro surrealista francese, ha insegnato per 33 anni nelle scuole superiori. Ha diverse pubblicazioni al suo attivo: Momenti (1970), Dentro l'orma (1978, antologia del decennio 1967-77), Maschera (1978, premio Casa Hirta), Il giardino di Afrodite (1984, tr. di lirici greci), Libro d'amore di Catullo (1986), Se rincorri un po' di ieri nel domani (1989, antologia del decennio 1978-87, che ha ottenuto i premi: "Anthos" Isernia e "San Valentino" Terni), Haiku (1990), E poi... / Et puis (1991, con tr. in francese), La novella del buon vecchio e della bella fanciulla (1991, saggio sulle novelle di Svevo), Insieme a una ragazza che ci stia (1993), Creatura (1993, premio "A. Gatto"), Orazio. Misura di vita (1993, tr.), Poesia / non poesia (1993, premio "Portico di Onofrio"), Cenere. Nicola Napolitano nel giudizio dei lettori (1994, saggi), Gaeta. 17 cartoline (1996, con disegni di M. Magliozzi), Parola di parole (1998, premio "Circe" Sabaudia), Ritornello di apparenze / Refren de aparente (1998, con tr. in rumeno), Cuore di sabbia (1998, premio "Fiera vesuviana" San Gennaro Vesuviano), Gaeta, ieri e oggi (1998), Partita (1999), Senza rimedio / Sin remedio (2000, con tr. in spagnolo), I nostri anni via in un sospiro / Our Years Vanish as a Sigh (2000, trenta poesie di John Deane), Equilibrio variabile / Equilibrio variable (2000, con tr. in spagnolo), Passi, pensieri di poesia (2001), Passaggi, cinque piccoli libri (2002, premio "Laurentum", Roma), Sextines de Campodimele / Sestine di Campodimele (2002, tr. dall'originale di Nicole Drano Stamberg), Insieme a te io sono nato ancora (2003, 25 variazioni per la figlia Gabriella), Alla riva del tempo (2005), Vita scoperta nel dire / Vie à travers la parole (2005, tr. in francese), Tempo letterario (2006). Ha fondato una propria etichetta editoriale “la stanza del poeta” nella quale pubblica testi suoi (La pietà del dire, Il treno dei poeti, Il tempo ritrovato. Poesie dell’adolescenza) e di altri autori: G. Drano, S. Cervone, N. Napolitano, C. Vitale, E Burgos, I. Di Ianni. È stato tradotto in spagnolo, francese, rumeno, tedesco, inglese, greco, esperanto.

Sulla sua produzione letteraria hanno scritto, tra gli altri: G. Bárberi Squarotti «Il suo è un lirismo spesso acceso e vibrante, che però giunge a risultati migliori quando si fa più secco ed essenziale, intriso di sentenziosità, quasi epigrammatico, come accade nei testi più recenti.»; M. Carlino «Ecco, la poesia diventa in questo modo una sfida contro il tempo, una sfida che ci consente di restituire un senso, di ritrovare tutti gli elementi al posto giusto, tutte le nostre figure di riferimento al posto giusto, ma nella consapevolezza per l’appunto che questa sfida è incessante, che volta per volta noi dobbiamo rilanciare la sfida della parola, volta per volta metterci in ascolto di quella parola che ricostituisce unitario il puzzle frammentario e smembrato della nostra esistenza.»; R. Cerminara «L'idea di fondo comunicata da queste poesie è che solo la parola può riempire la scena vuota del mondo e le ipotetiche apparizioni dei fatti e delle cose spariscono fuori dal contesto se la parola non le sfiora e le vivifica ponendole al nostro orizzonte.»; S. Di Spigno «Ed è proprio l'idea del gioco, con tutte le sue implicazioni semantiche che fatalmente conducono al significato ultimo dell'esistenza, a dominare questa poesia, il suo volersi liberare dall'attrito dell'esistere con l'attrito della scrittura. E si scopre che la materia di questo cantare è il cantare stesso, e che all'ipotesi più o meno remota della poesia è collegata la propria capacità di esistere, di saper cogliere le sfumature del vivente, di sapere e volere 'giocare' con la vita anche quando i giochi siano già fatti e i patti ormai scoperti.»; G. Manacorda «N. riflette, soffre, ma la sua poesia non è mai lamento, poiché l'espressione è sempre netta, il verso non maschera il tema ma lo enuncia con un'emozione che è fredda e commossa insieme. Forse lo aiuta la familiarità con i classici di cui si trova in questi versi più d'una traccia.»; A. Spagnuolo «Con il definirsi di alcuni ritmi si accumulano intorno all'io protagonista le sequenze di minimi episodi, che tentano di determinare, con acume e sagacia, il contrasto fra i motivi privati e quelli pubblici, ove il linguaggio, attingendo con equilibrio sia al lessico burocratico sia al lessico economico, si spoglia di ogni riflesso sublime e tormenta il lettore per coinvolgerlo ideologicamente nelle nebbie dell'indicibile.». È stato insignito nel 1990 dell'onorificenza del "Cimento d'oro".

www.giuseppenapolitano.it
www.eldigoras.com/pdi/01gnapolitano01
autore
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza