Servizi
Contatti

Eventi


Informazioni
Ricerca
Autori
Gruppi Letterari
Riviste Letterarie

Ruggeri

Giuseppe (Messina 1961), poeta, scrittore e saggista, vive a Messina. È giornalista pubblicista dal 1993 e collabora con la pagina culturale del quotidiano "La Sicilia" di Catania ed è vice-direttore della rivista "Pagnocco", quadrimestrale organo stampa dell'omonima associazione culturale in Messina. È consigliere nazionale dell'Amsi (Associazione Medici Scrittori Italiani), fondata nel 1954 da Corrado Tumiati e che ha avuto tra i suoi membri, tra gli altri, Mario Tobino e Giuseppe Bonaviri. Ha pubblicato L'unico Dio possibile (1995, narrativa), Il romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa (2001, saggistica), Macrocosmi (2006, poesia). Ha vinto le edizioni 1998 e 1999 del premio "Porti sepolti".

Sulla sua attività letteraria hanno scritto, tra gli altri: C. Cucinotta [Il romanzo di Giuseppe Tomasi...] «Questo saggio si caratterizza per un modo nuovo e spontaneo di fare letteratura: sia attraverso il recupero di interviste e di testimonianze dirette, sia grazie alla fruizione del più valido panorama critico i luoghi storici ed esistenziali del poeta e del romanziere vengono rivisitati e trasferiti dal piano storico ed esistenziale sul piano artistico e culturale in funzione di un discorso di indubbia efficacia, giocato tra letteratura e racconto, tale da coinvolgere pienamente e senza sforzo il lettore per la semplice ed incisiva scansione del percorso che suggerisce.»; M.L. Daniele Toffanin [Macrocosmi] «L'inno-canto-altare dell'autore alla sua terra è reso incalzante dall'endecasillabo, interrotto da versi di altra misura in felice composizione, ed è elevato da un linguaggio prezioso costituito da espressioni di origine greca quasi per andare all'etimo delle parole, e da altre di uso scientifico derivate dall'esperienza stessa di Ruggeri medico, per rendere più autentica e vissuta l'anima delle cose, ma sempre in una compattezza stilistica e in un'armonia di suoni e immagini.»; L. Fava Guzzetta [L'unico Dio possibile] «A prima vista si potrebbero leggere come appunti di viaggio le fitte notazioni che riempiono le pagine di questi scritti di R. La struttura globale del volume è infatti formata da una suite londinese e da una suite newyorchese, cui fa seguito "L'unico Dio possibile", che dà il titolo alla raccolta ed ha anch'esso per sfondo una città, stavolta però non identificata (...) Ma, in effetti, i luoghi, anche se ben precisati e chiamati in causa, offrono un semplice pretesto per un viaggio tutto interiore e per una ricerca sì memoriale, ma colta nel concreto della sensazione conservata e custodita dal corpo come traccia dell'originario incontro con in luogo e con la forma interiorizzata del segno topografico che lo racconta.»; S. Ferlita «Notevole è il controllo stilistico, armonica la costruzione dei versi. Macrocosmi, silloge del messinese R., è la riprova del legame viscerale che unisce di solito lo scrittore siciliano alla sua terra. Il solco, dunque, su cui si muove R. è quello segnato da tanti autori che della Sicilia hanno fatto motore della propria ispirazione e assillo tormentoso.(La Repubblica)»

autore
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza