Servizi
Contatti

Eventi


Informazioni
Ricerca
Autori
Gruppi Letterari
Riviste Letterarie

Torcellan

Michela (Venezia), vive ad Abano Terme. Laureata in Lettere con specializzazione in Archeologia medievale, ha partecipato a numerose campagne di scavo in Friuli, Veneto e Toscana ed è autore di alcune pubblicazioni scientifiche. Come giornalista ha scritto numerosi articoli di divulgazione archeologica.

Con lo pseudonimo di Marcantonio Barbaro ha pubblicato il racconto salgariano Sangue corsaro (1998 e 2002 seconda edizione) ambientato in un (im)probabile Veneto del XXII secolo, mentre col proprio nome ha pubblicato Racconti longobardi (2000, vincitore ex aequo dei premi "Pannunzio 2001" Torino e "Livio Tanzi 2001") in cui elabora in forma narrativa il testo di un antico documento e i risultati dei suoi scavi di archeologa alla fine degli anni ’80, costruendo in un racconto di viaggio nell'Italia longobarda dell'anno 762, un intreccio di avventure alternate a racconti narrati dagli stessi personaggi, secondo uno schema narrativo di origine medievale. Ha poi pubblicato numerosi racconti: La uoma e il donno (1999), La morte di Casanova (1999), Il segreto di Fausta (2000), Il valzer della fortuna (2000), Il compleanno di Paolina (2000), L'uomo di Murlo (2001), Il nido (2001), Il pozzo (2001), La grande impresa (2004), Tetralogia esoterica (2007, romanzo), Dietro la facciata. Tre storie di sesso a Padova (2009, racconti).

Ha cominciato a partecipare a concorsi letterari, ottenendo significati risultati: 1999, "Spazio Donna" terzo premio per Sangue corsaro; "Orso di Biella" premio speciale per Sangue corsaro; "Premio Almanacco" Ferrara, con La morte di Casanova e pubblicazione; "Arquà Petrarca" finalista con La uoma e il donno e pubblicazione; "Mondolibro" Roma con il romanzo Racconti longobardi; "Laboratorio delle Arti" Milano finalista con La morte di Casanova; "C. Pavese-M. Gori" secondo classificato con Sangue corsaro; 2000, Striano "Spazio donna" prima classificata con Il compleanno di Paolina; Udine "Santa Chiara" prima classificata e pubblicazione con Il segreto di Fausta; "Arquà Petrarca" prima classificata e pubblicazione con Il valzer della fortuna; 2002, Striano “Spazio donna” seconda classificata; “Anguillara Sabazia” prima classificata; Mogliano Veneto “Il calice e la spada” terza classificata; Sassello “Fascino e mistero” seconda classificata; Pontedera “Carlo Cassola” terza classificata. La sua produzione letteraria verte su argomenti surreali, paradossali ambientati in contesti antichi o comunque storici, frutto dei suoi intensi e appassionati studi di archeologia e storia dell'arte.

Sulla sua produzione letteraria così hanno scritto: Giuria del premio Arquà Petrarca 2000 «Il racconto [Il valzer della fortuna] si muove lungo due filoni destinati ad intersecarsi e fondersi tra loro. L'uno è realistico, di attualità si può dire, costituito dal girovagare di una giovane per un'antica città gravida di storia, dopo che ella ha sostenuto la prova di un concorso senza speranza di vittoria, scettica ed anche rassegnata ad una solitudine interiore. L'altro è straordinario e misterioso, rappresentato da una strana coppia di suonatori ambulanti che svelano alla ragazza le cifre del suo destino, con una profezia che si realizza al momento. Ed è l'incontro con l'amore. Il racconto ha notazioni anche letterariamente felici ed una plausibilità umana nel suo pur fantastico disegno.»; Giuria del premio Santa Chiara «Narrazione coinvolgente [Il segreto di Fausta] dalla trama scorrevole, corposa per gli argomenti sapidamente trattati, quasi un modello manzoniano. Fausta, personaggio solare, adamantino e misterioso, trasmette al lettore la raffigurazione di un esempio di consapevolezza dettata dalla propria coscienza.»; Giuria del premio Spazio Donna 99 «Una storia moderna [Sangue corsaro], dei nostri tempi precari e turbinosi. Una storia che è anche un monito agli uomini di qualunque fede politica, spessa tanto distratti dalle loro beghe e dai loro opportunismi. Un libro semplice, ma coinvolgente e passionale.»; Giuria del premio Spazio Donna 2000 «L'assurdità della guerra [Il compleanno di Paolina] vista con gli occhi di un'adolescente che, con violenza, è strappata alla sua quotidianità. Una scrittura scorrevole e avvincente immerge il lettore nelle durezze e difficoltà delle popolazioni civili durante la prima guerra mondiale, restituendoci un intenso spaccato di vita.».

autore
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza