Servizi
Contatti

Eventi


Prefazione a
I solchi dei giorni

Silvia Santi Montini

Ho letto piu volte il libro I solchi dei giorni di Nicoletta. Prima ho letto le poesie in ordine sparso, poi il testo, secondo la disposizione data dall'autrice. Infatti ii libro consta di quattro parti, in una scansione di temi precisa e definita.

A mio avviso, la presentazione dell'opera, non toglie nulla però all'unità della poesia, alla forza del sentimento, all'angoscia e al sogno, se non forse un po' di spontanea naturalezza. Prevalgono nelle vane parti, di volta in volta, interessi e sentire mirati. Verso la famiglia e l'ambiente nativo in "Si allontanano, fratello...". Riflessioni più intimistiche nel confronto di sé e della natura in I solchi dei giorni. Uno sguardo malinconico, un senso di caducità e di impotenza, verso il mondo nel quale siamo immersi in "Insegne al vento". Infine in: "Quando le stagioni diventano brevi", pare di cogliere la confusione di ciò che sfugge, l'imponderabilità del tempo, il vagheggiamento nostalgico e visionario della vita.

La lettura delle poesie nel loro insieme, suscita curiosità di indagine e mi porta a considerare il vero e il fantasioso che sempre coinvolgono, la parte più profonda dell'anima, dove si nascondono. Così, come colgo nei versi dell'autrice, una forte tendenza all'intimismo e all'esistenza, come passione inquieta e leggenda di un destino. Direi di più: c'è spesso il labirinto che rispecchia, nel verso, l'incongruenza dove ciascuno inciampa, vola via e ritorna, col sentire della morte, nel sapore amaro e dolce della vita. Una poesia che si incontra e si scontra col mondo, per divenire visione di sé, nel visionario dell'anima.

Entrando poi nella trama dei versi, trovo una discreta compattezza di stile, la ricerca di coerenza dei temi e l'uso frequente di termini decorativi, come una precisa scelta personale. Ciò fa sì che Nicoletta esprima, come in un gioco a nascondino e in una scherma di passioni, il sentire istintivo, arcano e profondo, che spesso sfiora l'insensatezza della vita, l'inconsistenza dell'essere, il dolore e il mistero che pesano addosso. La felicità che non si fa stringere.

autore
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza