Servizi
Contatti

Eventi


Nota critica di
Giorgio Segato

indietro

[Luccia Danesin] ha già pubblicato due volumi di versi, come distillati di emozione, di pensiero, di “riflessioni”. Ed è fotografa appassionata, che nell’immagine cerca la stessa risonanza di significati, la stessa espansione concettuale che sente nella parola e nella sintesi ritmica e musicale dei versi. (…) Soggetti privilegiati del suo scrivere e del suo ‘cercare’ tra le immagini sono il tempo e la memoria: il tempo come fluire incessante che tutto porta con sé e della memoria come possibilità di afferrare ed arrestare – in un’immagine restituita dal suono, e dal senso della parola, o in una fotografia come metafora, in una sequenza come percorso conoscitivo – un momento, un nucleo di pensiero, un nocciolo di verità capace di risonanze intime, di luce conoscitiva in merito al percorso esistenziale. (..) parola ed emozione visiva, dunque, suono ed immagine, ascoltare e vedere, dire e fotografare, in un’affascinante complementarità, come espansione sensitiva, intellettuale e concettuale della coscienza di sé e del mondo.

Dal catalogo della IX edizione
del Premio Paola e Lucia Molin Fotografe.

autore
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza