Servizi
Contatti

Eventi


Presentazione di
Iter ligure
al Castello di Riomaggiore

Sirio Guerrieri
27 settembre 2008

Ed ora tocca a me e non è che mi dispiaccia, è sempre un dono l’ascolto delle liriche di Maria Luisa Toffanin cui è doveroso rispondere e consonare. Sono solamente preoccupato che mi rimane da dire dopo la dotta, finissima, brillantissima analisi di Graziella Corsinovi?

Dirò quello che ho sempre pensato, che i motivi lirici di Maria Luisa Toffanin sono quelli di sempre: appartengono alla tematica eterna categoriale che oscilla tra mobilità, contingenza quotidiana del vivere e l’attesa di un afflato, una fede che ci salvi. Maria Luisa è creatura contemplativa e vive il pathos che esala dalle cose, dagli scenari della natura e dalle ascendenze stilistico-creative dei classici e dei moderni. Le sue liriche sono l’eco di un impegno non solo religioso, di una coscienza vigile e attenta ai valori della poesia, di una vocazione intransigente all’analisi, alla ricerca di sé, condotta con lucidità e rigore istintuale tra intuizioni pressanti, accorate, struggenti e la diligenza analitica tra desiderio di partecipazione, volontà di dire, piacere di scoperta e disciplina dei moti primi, tra astrazione sottile, prefigurazione metafisica e concretezza tangibile. Il sogno di Maria Luisa non è mai utopia senza contorni.

Naviga dentro maree possibili, altalene e raccordi col reale, sempre alla portata dei desideri, armoniosamente contemplati e accarezzati. Così Maria Luisa Toffanin incontra le Cinque Terre e le canta con voce distesa, con la stessa passione fantastico-visiva di Ettore Cozzani, di Eugenio Montale, di Lino Crovara, di Giovanni Bonanini, con la sapienza coloristica di Telemaco Signorini e di Discovolo. Maria Luisa percepisce negli arcani della sua sensibilità profonda la terrestrità del sole e delle acque, la forza vigorosamente vegetativa naturante delle ginestre sorgenti dalle alte scogliere e dalle rive dei calanchi ripidi, dirupati, intrisi di vampate, di colori, di aromi, di suoni, di vapori anzi di vaporarizzazioni salmastre, di sciacquate di risacche, di ventate, di cosmicità originaria, di flussi lievi, di parole evocative, di misteri aurorali e solarità meridiane.

Non voglio andare oltre, il discorso può chiudersi così. (Sirio Guerrieri)

autore
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza