Servizi
Contatti

Eventi


Prefazione a
I mosaici di Michele Frenna di Carmine Manzi

Mario Maiorino

Ho sempre ritenuto, pur non essendoci tenuti mai a contatto diretto nel corso degli anni perché le nostre strade sono state, come lo sono tuttora, diverse: Carmine Manzi, sempre intento con la mente e col cuore a divulgare la sua rivista "Fiorisce un Cenacolo", e a chiamare alla partecipazione personaggi e amanti dell'arte e del bello all'«Accademia di Paestum» che presiede sin dalla loro fondazione, e io, completamente versato in studi specialistici di storia d'arte con impegno attivo alla conoscenza della vita dei pittori, scultori e disegnatori, e altro ancora, interessandomi alle mostre e promuovendone personalmente per la valorizzazione di un patrimonio che è sempre più da conoscere; ho sempre pensato, dicevo, che Manzi è meritevole per una sua qualità intellettiva e spirituale non comune per propria inclinazione e desiderio costante di dar voce a quanti, particolarmente nel nostro Sud, e non solo, attuano un loro modo di fare cultura, come evasione, come esperienza di vita, come attività distensiva, spirituale e di conforto e di ausilio alla loro esistenza: voci da tanti sconosciute, col racconto e con la poesia, col saggio e col romanzo ispirato all'esistenza con la pittura e la scultura, e sempre con aneliti che, riconosciuti come tali, danno suffragio ai motivi che dicono del perché di una vita di tutti i giorni, nella gioia e nel dolore, e nella necessità a capire e a farsi capire, e a intendere maggiormente 1'umanità nelle sue sfaccettature.

Perciò, quando egli mi ha messo a disposizione un suo scritto riguardante un profilo di Michele Frenna in qualità di uomo, di pittore e mosaicista, non mi sono sottratto a dire tanto di lui, come ho sentito fare, quanto dell'autore che egli ha preso in considerazione. Parlare di Manzi. E come è possibile raccogliere tanto di questo personaggio in poche righe, di lui che da lungo tempo vive immerso in un mondo in cui la religione e la poesia, la narrativa e la prosa sono il suo pane quotidiano senza alcun companatico se non quello della spiritualità del bene e del cuore; di lui che, indefessamente per mezzo secolo – e perche non dire di una vita – ha condotto, come ancora conduce, una battaglia in difesa di quanti, ignorati dalla grande ufficialità, vivono nella tessitura dell'arte, maggiore o minore che sia, pur essendo voci semplici e chiare; di lui che in tutti i modi sorregge e scova, in chi a lui si affida, il proprio rispettabile lavoro e l'assidua abnegazione, sorretto da ideali e da nobili sentimenti? No, non era possibile sottrarmi a questa implicita richiesta.

Allora eccomi a esprimere anch'io un giudizio sul suo protetto Michele Frenna, per quanto già da lui scritto con tanto garbo, anche col riporto di pensieri di diversi scrittori su questo artista autodidatta che, come tanti, è così impegnato a far conoscere il suo mondo e come egli lo esprime, oltre la pittura, col mosaico, attività molto difficile e antica che ha i suoi notevoli attestati bizantini di grandi scuole, e romanici, eppure ancora a noi vicini, latini e, più lontani, in quel rifugio di culture orientali che hanno visto il loro splendore nell'organizzare tasselli piccoli e grandi di vetro e di pietre, giostrando su giochi di luce e di ombre, per ricavarne a più non posso scene con figure umane e di animali.

Cava de' Tirreni, giovedì 2 dicembre 1999

autore
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza