Servizi
Contatti

Eventi


Note critiche a
 La carità erotica nell'edonismo geoestetico della poesia di Sandro Penna:
un approccio psicocritico

di Anna Maria Guidi

Giorgio Bárberi Squarotti

grazie della difficile, eccellente monografia che ha dedicato a Penna. Molto originalmente ha affrontato la poesia penniana dal punto di vista più alto, concettuale e metafisico, convocando filosofi e teorici a sostegno della sua interpretazione. Il discorso è arduo e persuasivo: non soltanto la celebrazione dei sensi e del piacere amoroso e della contemplazione dei sensi, ma anche e soprattutto la dimostrazione del valore assoluto dell'erotismo. Complimenti. E' un'idea straordinariamente suggestiva. ...

Enza Biagini

Questo saggio di A.M. Guidi (svolto con molta competenza, finezza e passione) sa con intelligenza risvegliare l’interesse per quel piano latente che la poesia di penna tiene nel ‘sottosuolo’, per toglierlo dalla gabbie, ormai fin troppo ‘istituzionalizzate’, di alcuna parte della critica penniana.
La G., insomma, ha il merito di provocare un originale ‘sommovimento’ che toglie molte ovvietà intorno alla poesia di questo autore che, ogni tanto, è a sproposito ricacciato  in una sorta di frettoloso ‘inghiottitoio’.
Complimenti!

Vanni Capocia

Confesso che alla prima lettura mi sono sentito spiazzato dall’approccio psicocritico. Ma riprendendo i libri su Penna, ho notato che in fondo, anche se Penna ha fatto di tutto per essere imprendibile, le strade che portano ad approfondirlo possono essere più di una per giungere al Poeta.
Cosa che fa il suo libro che ha, in più, il vantaggio, rispetto agli altri, di aprire una nuova via.

Mariagrazia Carraroli

Ho letto volentieri questo saggio anche per il nome del poeta ivi indagato, di cui a suo tempo avevo gustato le poesie liricamente cantabili. Trattasi di un cospicuo, analitico lavoro, il cui numero relativamente esile delle pagine è inversamente proporzionale alla densità critica e all’impegno elaborativo impiegato nell’analisi della personalità umana e poetica dell’artista.
Lo studio a tutto tondo dell’opera e della persona, studio suffragato da un ampio ventaglio di citazioni a sostegno delle tesi esposte con rimandi a raggera: dalla poesia alla critica letteraria e alla scienza, dalla mistica all’antropologia, dalla psichiatria alla storia, dalla filosofia all’estetica e ancora, ancora…hanno creato in me un’ammirazione sincera per così grande e seria applicazione culturale, necessaria, certo, e non improvvisata, per affrontare un saggio di tale portata. “Magnifica”, lasciatemi dunque dire a me, magnifica studiosa e saggista.
Riguardo, poi, all’approccio psicocritico, desidero lasciare un’unica per perplessità relativa al tentativo per taluni versi plausibile, d’associare l’impellenza erotico/pedofila di penna all’estetica mistica, giustificata, anche, dal verso “ed io non mi ricordi più chi sono”…
Il fine (l’estasi) giustifica i mezzi?
Ancora, la “dolce fretta di godere”? O solo fagocità dell’ego? Mi scuso per questo mio intrusivo appunto, frutto, anche, d’una lettura attenta, difficile e partecipata di questo lavoro.

Stefano Lanuzza

Ho trovato nel suo libro una originale lettura di Penna, nella sua chiave certo più congeniale.

Ermellino Mazzoleni

Trovo nella tua opera pulsioni emozionali e intellettive di assoluta originalità. La tua è una prosa critica difficile, corposa, densa di umori, di riflessioni e meditazioni dai personali registri: tattili e aerei. Ogni vocabolo ha un suo profumo e sapore, un proprio suono, una sua levità e un suo peso.
Sono onorato della tua sapienza e amicizia… sempre lieto di leggerti e sentirti.

Toe Mercurio

...complimenti per il tuo ultimo lavoro; bella la tua scelta, serio il tuo impegno, a conferma del tuo talento anche critico: ma su di te chi ormai può avere più dubbi? ... Le colte appropriate citazioni del tuo denso saggio ben rendono onore alla poesia del Penna...Il testo è così riccamente articolato da invitare a più riletture, anche in merito, direi, al discorso della creazione poetica.... Ne riparleremo. Promesso....

E. Pellegrini

Ho letto subito questo libro su Penna, poeta a me molto caro,  incuriosita dal titolo. E’ davvero una lettura originale, in cui si uniscono le competenze psicologiche, la cultura letteraria e la sensibilità del poeta. Complimenti.


autore
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza