Servizi
Contatti


Note critiche brevi a
Esorcismo eretico
di Anna Maria Guidi

la Scheda del libro

Anna Balsamo

M’è giunto, prezioso dono, il tuo scrigno di scuri diamanti, trattenuto dal fino lavoro d’un’ingabbiatura d’ossa bianche delicate ma non fragili: dolenti, quindi vive, di quella vittoria tortura che è la vita nel suo calice dal bordo tagliente. Ma dove sei “Lucciola like” che un tempo ora lontano, mi sei apparsa? Dove sei? Accorri! Soccorri! Goccia di miele d’oro lucente nella tenebra che adesso è nostro “De Profundis”! Raggiungo il Misterioso Iddio nelle sue intenzioni e, nel nome del Santo Spirito, tutto, di Grazia, sia cinconfuso.

Giuseppe Marchetti

Gentile Anna Maria Guidi, Le sono molto grato per l’invio di Esorcismo eretico edito dall’amico Massimo Scrignoli. Vedo che nei suoi testi Lei giustamente ha cercato di recuperare una certa ricercatezza espressiva e un’alta ala letteraria che al giorno d’oggi purtroppo non interessa più la nostra produzione poetica scaduta molto. Spero di poter leggere durante l’estate con maggiore attenzione la sua raccolta e intanto le rinnovo i miei complimenti per la visione e gli effetti dei ricordi e delle audaci metafore. Con molti, cordialissimi saluti.

Mariella Bettarini

Anna Maria carissima,

eccomi a te, finalmente, per dirti la mia intensa e commossa partecipazione al tuo magnifico ESORCISMO ERETICO. Purtroppo, come noterai, non si tratta di una vera e propria “nota critica” (come pure avrei voluto scrivere…), ma la grande debolezza per questo clima, l’eccesso di arrivi di libri e di raccolte inedite, i miei seri problemi di vista, purtroppo mi impediscono di lavorare come un tempo. Spero vorrai perdonarmi per questa mia “insufficienza”, ma pensa che anche per la rivista (che ormai esce ancor più raramente di una volta all’anno…) negli ultimi fascicoli non ho più scritto io l’editoriale, come avevo sempre fatto.

Questo tuo libro – come ottimamente scrive l’amico Franco – è “Poesia con la maiuscola” ed io te ne segnalerò i testi che mi hanno maggiormente toccata, coinvolta, profondamente commossa: “Mugolo / come un gatto”, “Non serve più affliggermi”, “Ascendo il mio calvario, “Discendo ogni caduta”, “I primari / del lager ospedaliero”, “Ho perso anche”, Un sogno stanotte:”, Dove sei Dio”, “Entro stamattina”, “E ancora cavalco le ore”, Qual preziosa gemma serro”, “E’ l’incognita”, “No, non sto bene”. In questo elenco – oltre allo straordinario “contenuto” – dico della “forma” poetica”, che mi coinvolge maggiormente rispetto agli altri testi, che pure DICONO tantissimo di te, della tua dolorosa vita, del tuo grandissimo CORAGGIO ed infinito AMORE

Grazie, amata amica, di tutto questo, e a risentirci, a rileggerci. Un vivissimo AUGURIO, con tutto il cuore, e un abbraccio dalla tua Mariella

autore
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza