Servizi
Contatti

Eventi


Prefazione a
Ai confini col gelo

Claudio Beretta

"Poetae nascuntur, scriptores fiunt". E' un vecchio adagio latino, valido più che mai per mia nipote Graziella che, specialmente quando scrive in poesia, è la "bocca della verità". Lo è sempre stata, fin da bambina.

Ciò che canta le nasce spontaneamente dallo spirito, in immagini fratte che seguono i moti dell'animo, le emozioni, i pensieri, ma che convergono in un concetto principale, che non sempre lei ci dice.

E' il miglior complimento, la miglior constatazione, che si possa fare: nella sua poesia ogni immagine svela un mondo, per questo occorre leggere molto lentamente, perché ogni immagine nasce da una meditazione e "il naufragar nv è dolce in questo mare".

autore
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza