Servizi
Contatti

Eventi


Wilma Minotti Cerini
da: La strada del ritorno,
Guido Miano Editore, Milano 1996

Salvami

Salvami
quando l’anima
mette radici nell’abisso
di una natura incerta
a cercare motivi
per rinverdire
panni di sapienza
sul vuoto contorto.

Salvami,
su tenere nervature
di umili fiori
dove il colore corre
come il fiume
nel suo argine,
se il piede rotola
con il sasso
lungo scarpate
molli d’esistenza.

Salvami,
quando la mente
naufraga su deserti d’occhi,
dove l’espressione vacilla
e mi folgora il dolore.

Salvami,
per i sorrisi comunque
di bambini ciechi di mali
che si potevano curare
o per quelli metà bambini
metà gambe di legno
senza Fatine Azzurre.

Salvami,
da strade di metallo
e cuori d’argilla,
dove la luna è muta
su parossistici rock duri,
e la noia uccide
i passeri prima del volo.

Salvaci e posaci
dove ancora il ragno
tesse fili d’argento
tra rami fioriti
carichi di gocce,
dove vivono
iridescenti speranze.

 

autore
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza