Servizi
Contatti

Eventi


Premessa
a La strada del ritorno

Vincenzo Bendinelli

A distanza di due anni, ho la gioia di tornare a scrivere sulla poesia di Wilma Minotti Cerini, e avverto il brivido profondo della responsabilit: l'impegno certo notevole nell'analizzare una personalit poetica cos affascinante e carica di trascendenza. Tuttavia lo faccio con grande senso di umilt. Non dico questo a caso: la poesia di Wilma Minotti Cerini ha bisogno di alta considerazione e di rispetto per i valori spirituali che la permeano e che la pongono in una dimensione che sicuramente al di sopra della norma. Una intensa commozione scaturita in me dalla lettura di queste liriche cos cariche di contenuti spirituali ma anche di pensiero. Quando avviene un intimo travaso di certi valori che vanno a colpire l'ignaro lettore, i valori intrinsechi esistono, eccome! Affascinato dalla intensit del pensiero e dalla linearit del linguaggio adottato dalla poetessa nella realizzazione di questa consistente raccolta di liriche, nonch dagli alti contenuti che la fanno vivere, per me poter riuscire a scrivere almeno qualcosa, diventa un segreto tormento che mi porta a vivere armoniosamente con l'autrice. Quanta spiritualit in un momento cos critico della storia dell'umanit, dove il materialismo impera e dove i valori dello spirito sono discesi, si direbbe, nel regno dell'oblio.

Ci che colpisce soprattutto dato dalla purezza del linguaggio, specchio di una personalit sensibile alla ricerca interiore pi impegnata ma anche capace di esprimere la piet, che il gradino pi elevato dell'anima e dello spirito. E questo non mi sorprende, poich gi tempo addietro avevo avvertito in lei questa apertura al divino. Nella Minotti Cerini si assommano valori quasi impensabili. Attenta alle problematiche dell'esistenza, ogni verso lega terra e cielo in una simbiosi ineffabile, profondissima nella sostanza e che induce alla meditazione e alla spiritualit. Chi legge quest'opera sente aprirsi la porta del cuore e della mente, si sente avvolgere da un carisma che emerge dall'inconscio ma anche dalla coscienza, poich la coscienza si espande verso nuovi orizzonti e aperture. Ecco che l'intimo messaggio spirituale della poetessa viene recepito, sentito, valutato, preso dentro per non lasciarlo pi.

La nobilt dei concetti, l'intensit del sentimento, la forza della parola, dovuta proprio alla chiarezza del dettato, non possono sfuggire alla catarsi interiore che si apre nell'animo perch sentita. la sua poesia penetra dilatando lo spirito tanto che il corpo quasi diventa impalpabile scomparendo dal percepirlo. Forse qualcuno dir che la mia interpretazione utopica, oppure peneer che le mie parole siano dettate da convenienza o per far piacere all'autrice, ma poi la lettura, sono certo, dissiper ogni dubbio. Nell'odierno caos veramente difficile scoprire un'anima cos diversa. E credo che tutta la spinta interiore dell'autrice provenga esclusivamente da una sofferenza intima, forse non vissuta fisicamente a causa degli eventi delta vita, ma certamente data da un diverso modo di guardare al dolore dell'esistenza, al dolore degli altri. Wilma Minotti Cerini non vuole la guerra, non vuole il dolore, gli eventi si sono rispecchiati nel suo animo e l'hanno torturata, fatta gemere. Ecco il suo rapporto cosmico col divino, poich cio che in terra anche in cielo, e la vibrazione cosmica penetra l'uomo come una luce folgorante, ma anche come riflesso di quanto egli ha compiuto per millenni.

Tutto questo va oltre il valore tecnico della stesura dei versi, inteso come canone classico nella costruzione architettonica dell'opera. Tuttavia la sua poesia (e questo va detto per merito di chiarezza, capacit ed intelligenza), perfettamente allineata al ritmo, alla musicalit, alla metafora delle immagini, quando ce n' stato bisogno.

Lascio al lettore l'impegno di scoprire i valori di quest'opera poetica, e non cito alcun verso: la personalit poetica di Wilma Minotti Cerini deve essere anche cercata per riconoscerla diversa e forse unica.

autore
Literary 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza