Servizi
Contatti

Eventi


da: La casa di vetro

Non é tanto l'ora, quanto l'attesa
che ci rende più difficile il passo.

Ogni domanda rimbalza e ritorna
lungo sentieri arsi dal sole.

Non é tanto l'ora, quanto l'attesa
che ci rende più amaro l'inganno.

Noi come gli uccelli che restano
viviamo di una mano pietosa
finché il gelo non ci chiude le ali.

 
 

In questo angolo di terra
c'è la nostra semplice vita:
un mondo appartato e schivo
ma ardente come una lacrima.
Qui il cipresso saluta per primo il giorno
Qui il pettirosso è solito svernare
Qui vive un'anima antica:
quella dei nostri fedeli incontri
Qui e soltanto qui è nostra
la linea remota del cielo

 
 

Nella culla scavata dal tempo
veglia una bianca voce
È notte.
Dalla punta scura degli alberi
spunta una piccola luna di rame
e l'aria è come rinfrescata
dalle umide profonditâ della terra
Tutto sembra non avere forma
Tutto sembra non lasciare traccia
Solo la bianca voce risuona
come una cetra incantata.

 
 
autore
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza