Servizi
Contatti

Eventi


Pietro Nigro
da: Altri versi sparsi, 2001
successiva

E poi mi smarrirò all'improvviso

E poi mi smarrirò all’improvviso
tra le amate strade del mio continuo via vai di vita;
e aspetteranno invano il mio ritorno
e più non ritroverò la via
né sorgere vedrò un altro sole.
Come spacca il sole questa vita
che trafigge i sogni di occhi innocenti
sempre più tristi man mano che passa il giorno.
Non vi rivedrò più miei cari fiori
che riempite di colori i miei pensieri
e rinnovate illusioni di occhi nuovi
che non sapranno quanto vi amai.
E tu mio caro mare
che sussurri al sole le tue parole glauche
o al vento di tempesta unisci il tuo lamento
non mi avrai più compagno dei tuoi liquidi giochi,
e più non mi cullerai nel tuo grembo con gesto materno.
E voi mandorli e ulivi, non sentirò più la brezza
soffiare scherzosa tra le vostre foglie
né cantare l’usignolo la malinconica canzone
dell’infinito perdersi del tempo.
Cercherò soltanto cose certe d’amare
che mi diano la forza di sperare
quando la morte mi strapperà
anche l’ultima illusione.

autore
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza