Servizi
Contatti

Eventi


Pietro Nigro
da: Astronavi dell'anima, 2002
successiva

Sulla terrazza

L'aria che porta il sapore che dà lo sguardo
alle piante sulla terrazza dentro vasi ammassati
in più di una metà dei cento metri quadrati
di occhi sempre rivolti al cielo in silenziosa preghiera
più di una spruzzata di Courvoisier come solevo una volta
nella tazzina di caffè che ho tra le labbra
che vissero parole non sempre comprese testimoni
di supreme aspirazioni con in bocca l'effluvio
di un dono collettivo di altri miei compagni di un oscuro viaggio.
Gustare l'universo, nutrirmici, senza le usuali pietanze
d'uso smodato; gustare le impercettibili sensazioni
che emana l'esistenza, le parole espresse e taciute
nelle infinite lingue della coscienza.
E' un volo nel turbine, nelle profondità della mente,
cosmo che non disperde le memorie del prima e del poi
suprema voce che sorvola i tempi di un’eterna espansione
espressione di una volontà che implica il ricongiungimento
d’ irruenti fantasie, sin dalla sorgente immagini sfuggenti
che scorrono come fatui affluenti di un cosmico fiume.

 
autore
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza