Servizi
Contatti

Eventi


Pietro Nigro
da: Miraggi, 1989
Successiva

Indifferenza

Ti ho dato il mondo
e cose d’amare,
ti ho costruito strade
per le tue speranze,
ti ho lasciato il mio ricordo,
ma mi hai dimenticato
come si dimenticano le cose
che non si vogliono ricordare
o che ci hanno fatto male.
Non meritavo il tuo sdegno;
fremono di rabbia le mie mani
spaccate da manici di zappe
e gridano al cielo millenni
di aspirazioni deluse.
Non meritavo il tuo sdegno;
anche per i miei digiuni
che ti guadagnavano misere cene.
Ti ho dato il canto
che composi col vento
tra i rovi e l’erba
i mandorli e gli ulivi,
frutti superbi
della mia sfortunata terra.
Ti ho dato i miei sogni
a continuare i miei passi interrotti
nel sentiero dell’intelligenza
e scrollarti il muro
d’una indifferenza testarda.
Ti ho dato piloni per costruirti
ponti di sopravvivenza
e mi hai ricordato la morte,
e mi hai detto che non contano gli altri.
E così mi hai dimenticato
come una cosa morta per sempre.

autore
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza