Servizi
Contatti

Eventi


Prefazione a
Notazioni estemporanee II - Recensioni e articoli d'arte

Pasquale Francischetti

Già dal titolo di questo lavoro di Nigro sì evidenzia che esso altro non è che la continuazione degli argomenti letterari espressi nell'opera precedente: Notazioni estemporanee e varietà  II — Recensioni, e articoli d'arte.

E anche qui la ricerca della parola giusta, del giro di fase rapida ed espressiva, passa spesso dalla sfera pratica ad un ambiente più propriamente artistico; e quindi si realizza quel gusto del bel parlare, del motto giusto e pungente che è poi presente in quest'opera.

Qui tutto il materiale culturale di qualche decennio fa è semplicemente trasferito nell'età presente, adattato ai suoi bisogni moderni, ed a volte usato come un vero e proprio "strumento di lavoro" per esprimere culturalmente le proprie idee. Ecco un esempio: "Nei versi del Cagliola troviamo un calore umano, una passionalità tipica dell 'uomo del sud che aspira a realizzare i temi cari alla sua coscienza, al suo animo che non sa placarsi ... " (p. 9).

Quest'opera si potrebbe definire un vero e proprio diario culturale, dove Nigro registra sia documenti della vita pratica, sia della vita spirituale, in cui mostra una profonda consapevolezza tecnica dell'uso delle immagini e delle figure retoriche.

Altre volte Nigro "si lascia andare" e con un tono grottesco e risentito esprime le contraddizioni interne del costume della propria società. Esempio: "Non sempre ci rendiamo conto dei, fenomeni culturali e artistici che avvengono sotto i nostri occhi se non quando ne siamo coinvolti intimamente e direttamente per la forza inarrestabile scatenante emozioni e sentimenti che muteranno il corso precario delle vicende umane ... ". (p. 25).

Nella seconda parte dell'opera "presentazioni e articoli d'arte", la cultura per Nigro assume un valore totalmente autonomo, che si oppone in modo secco alla concezione comune della cultura come strumento dell'azione civile, dell'educazione e perfino della persuasione. Infatti, molto spesso, Pietro Nigro mette in evidenza le proprie capacità letterarie rispetto a quelle più propriamente speculative; egli mira, cioè, a persuadere, entusiasmare con atteggiamenti sentimentali, prima che a convincere razionalmente. Esempio: "Il primo impatto con la pittura di Tano Mallìa cattura il nostro interesse e avvince la nostra mente per l'inevitabile coinvolgimento in problematiche irrisolte del nostro tempo ricco di fermenti ". (p. 44).

Infine, crediamo che quest'opera sia una testimonianza, seppure minima, del livello culturale ed artistico del nostro tempo.

autore
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza