Servizi
Contatti

Eventi



Noemi Paolini Giachery

Marzia Alunni «L’autrice, per una sua personale modestia, non si arroga il diritto assoluto di definire il reale, lo accetta con un atteggiamento aperto, sebbene problematico, capace di una sottile vena umoristica molto personale e dettata da quell’io profondo che esprime con singolare maestria. Le sue parole appaiono liberatorie...».

Autopresentazione


Pensieri a dondolo

Edizioni Graphisoft, Roma 2016, pp. 39 + cd.

Le recensioni di:
Ginevra Grisi - Luciano Nanni

A un amico che chiedeva spiegazioni


L'autore si nasconde nel particolare
studi di letteratura italiana

Nota dell'autrice. In copertina rielaborazione grafica di The victory (1939) di René Magritte. Aracne Editrice, Ariccia 2015, pp. 128.

Le recensioni di:
Ginevra Grisi - Luciano Nanni

 


Ungaretti: vita d'un uomo
Una bella biografia” interiore

Aracne Editrice, Roma 2014, pp. 142.

Le recensioni di:
Paolo Carlucci - Antonio Crecchia - Monica Florio - Luciano Nanni

 


Le ragioni dell'ovvio
rileggendo Svevo, Pascoli, Ungaretti, Montale

Premessa dell'autrice. Edilazio Letteraria, Roma 2011, pp. 132.

Le recensioni di:
Paolo Carlucci - Paolo Leoncini - Luciano Nanni

Nuova nota dell'autrice su la “Coscienza di Zeno”


Le mani tese di Dolores. I romanzi di Dolores Prato

Edizioni Graphisoft, Roma 2008, pp. 132.

Le recensioni di:
Carmine Chiodo - Luciano Nanni - Giuseppe Panella - Fabio Zampieri


In cerca della «pianta uomo»

Antonio Stango Editore, Roma 2003, pp. 116.

“Diogene ha lasciato la sua botte per una comoda poltrona e ha sostituito la lanterna con un paio di occhiali che gli servono per leggere pagine e pagine. Ormai più letterato che filosofo, cerca l’uomo nelle opere di poesia in versi e in prosa. Non ha gradito che per decenni lettori ufficialmente deputati all’interpretazione e al giudizio abbiano impoverito l’immagine umana limitandosi a cercare nelle stesse pagine da una parte schemi formali intesi come frutto di un puro gioco verbale, dall’altra testimonianze di un “vero” ridotto all’esteriore “certo” -di fatto molto incerto- della cronaca politica. Nelle due opposte tendenze riconosce i segni di un incalzante nichilismo. Nichilismo più scoperto e dichiarato negli eccessi relativistici di un altro indirizzo critico oggi vigente, l’ermeneutica decostruzionistica. Con approcci diversi, che sempre coinvolgono, più o meno direttamente, la personale umanità, il nostro Diogene cerca in autori italiani tra cui d’Annunzio, Svevo, Ungaretti, Montale, la tensione primaria, teoretica e non utilitaria, ad attingere attraverso l’esperienza interiore, esteticamente espressa, una forma di conoscenza ‘totale’ non sostituibile dalle più canoniche modalità conoscitive che sono quelle, per altro fondamentali, della ragione scientifica e filosofica”.

Luoghi tempi e oltre. Divagazioni di un'egotista

Vecchiarelli Editore, Manziana 2001, pp. 102.

Le recensioni di:
Marzia Alunni - Luciano Nanni - Gigi Pistelli


“Pas de deux” per la poesia di Alberto Caramella

In coll. con Emerico Giachery.
Vecchiarelli Editore, Manziana 2000, pp. 70.


Ungaretti “verticale”

In coll. con Emerico Giachery.
Bulzoni Editore, Roma 2000, pp. 168.

Le recensioni di:
Dino Claudio - Giovanna Vizzari


Il volto ambivalente. Saggi di letteratura italiana

Vecchiarelli Editore, Manziana 1997, pp. 100.

Il volto bivalente, titolo del primo capitolo, dantesco, si estende metaforicamente all’intera raccolta di saggi, unificati dal leitmotiv del volto doppio, e poi anche multiplo, con cui la verità si rivela nel messaggio poetico. Dedicati ad autori italiani scelti tra i maggiori del Novecento, gli altri studi, condotti secondo metodologie diverse, convergono nell’intento di fare emergere la portata semantica e conoscitiva dell’ossimoro poetico. A partire da un singolo testo, o frammento di testo, la ricerca avvia una più ampia ricognizione dell’opera e dell’universo della scrittore.

Italo Svevo. Il superuomo dissimulato

Introduzione dell'autore. Edizioni Studium, Roma 1993, pp. 224.

Le recensioni di:
Marilena Genovese

Nuova nota dell'autrice su la “Coscienza di Zeno”


Noia: elusione, vizio, accidia? a partire da un testo ungarettiano

In: «Critica letteraria», Loffredo Editore, Napoli 1989, a. XVII, n. 65, fasc. IV, pp. 712-719.


autore
Literary © 1997-2017 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza