Servizi
Contatti

Eventi


Poesia di Daniela Quieti
tratta dall'opera collettanea
La ricerca poetica
curata da Lia Bronzi e Angelo Manuali

Di te e di me

Vorrei modificare
l’istante del sogno
le linee brevi
di te e di me
disegnare una retta
che unisca i lati
mentre t’inseguo
in tratti incerti.
Riconsidero le tue
e le mie parole
e mi dico che sei
un’illusione.
Ma ho amato l’attimo
che mi ha acceso
con il tuo fuoco
e che divampa.

Nota critica di Angelo Manuali

La giovinezza passata. Il crepuscolo s’avvicina. A chi importa il suo passato? Ma i ricordi non si cancellano. Sente ancora cantare il suo fiume e “il tempo / un luogo / inesplorato / sul bordo aperto / del cielo”.
Il paradiso altrove, nel rifugio segreto dove s’incontreranno e si conosceranno. Vorrebbe modificare l’istante del su sogno. Ma a ben riflettere un’illusione, anche se ha amato l’attimo che ha acceso il suo cuore.
I giorni intanto sfuggono tra le dita e aprono un solco, una ferita. Un fragore di ricordi scuote il suo albero spoglio. Ma la vita continua e bisogna che ci si aiuti a vivere e sperare che insieme alle spine il domani faccia sbocciare anche le rose.

autore
Literary 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza