Servizi
Contatti

Eventi


Alcune poesie da
Vibrazioni di luce (2010)

Vibrazioni di luce

Vibra
il colore sospeso,
il sasso che rotola lento
nell’acqua di luce.

Il canto
del cuore
che muove infinito,
la breve e sottile
discesa del sole.

Il giorno che muore,
il bacio
che luna raccoglie
dal cuore.

La lune

Spunta la luna nell’ora
che ferma nell’aria l’incanto:
caleidoscopio di voli,
pensieri
che diventano veri.

La rosa

Dimentico la Rosa:
il vero prende forma,
si spoglia dello sguardo.

Somiglia questa sponda
al giorno
che non torna.

Dimentico la Rosa
qualsiasi sia il colore.
Eppure se la guardo
prende la forma un sogno:

Si getta fra le braccia
dell’alba che rinasce..

La fontana

In mezzo alla piazza
le mani intrecciate d’acqua
fermi così nel tempo
come fauni di pietra.

E la fontana
da sempre lì
guarda le stagioni passare
ed il bimbo getta un desiderio
chiudendo gli occhi
perché s’avveri.

Ed il vecchio
s’accontenta
del ricordo che zampilla
e di un sogno d’acqua
seduto fino a sera.

In mezzo alla piazza
un bimbo fa finta di volare
tirato da un pallone
a forma di tigre.

24/01/2007

Il tuo incedere slegato

Il tuo incedere slegato
appeso ai passi in un afflato

se poi sbadato ho preso un lato
del giorno tuo sbagliato

quasi temendo di perdere il momento e di trovarmi solo senza parole.

Così ho preso per te un sorriso
da aprire quando si apre il giorno
e quando la sera chiude l’attesa.

Varese 22/05/07

autore
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza