Servizi
Contatti

Eventi


Introduzione a
Diletta sposa

Stefano Valentini

Il percorso poetico dell'autore toscano – iniziato nel 1988 con Isole e vele e giunto qui al dodicesimo titolo – rappresenta una delle esperienze poetiche più radicali e importanti del panorama letterario italiano e questa breve opera ne raffigura in qualche modo il vertice; non in termini di complessità, considerato come altre tappe siano state di gran lunga più ardue, articolate e dense; né d'inventività, poiché le vertiginose allegorie messe in opera fino ad oggi lasciano ora spazio ad un dettato piano e contenuto, quasi sussurrato sottovoce. Qui a dominare la scena è la purezza della semplicità: una semplicità che si incarna nel "tu" rivolto alla compagna del proprio cammino terreno, nella riconosciuta condivisione d'un dialogo e d'un destino con un'altra persona e un'altra anima, con uno sfondo di tenerezza (scevra comunque d'ogni sentimentalismo) che neppure nel libro per la Madre – Pavana per una madre defunta, uno dei primi e più drammatici di Scarselli – appariva tanto scoperta e disarmata, tanto perfettamente umana. Altezza tematica e colloquialità discorsiva si coniugano perfettamente in queste diciassette memorabili poesie, dove il distacco dalla terra e il cammino verso la verità ultima è anticipato con parole in cui sono trasfuse considerazioni che uniscono biologia, filosofia, teologia, e dove la vita corporale rappresenta sì solo un involucro rispetto al destino ultimo, ma un involucro comunque degno di celebrazione. E appunto questo si celebra nel poemetto, il distacco di un'anima e un intelletto (importanti entrambi i termini, mai disgiunti nell'opera dell'Autore) protesi verso la Luce che li attende ma anche volti indietro, non per nostalgia o indugio ma per conscia gratitudine. Tu che sei la mia Sposa diletta | e m'hai guidato con amore e saggezza | fra le luci e le tenebre del mondo...: quasi una Beatrice terrena, anziché ultraterrena, per il Poeta che con riconoscenza può dire d'essere stato grazie a lei tanto felice ed essere ormai sazio di conoscenza e d'amore. E proprio intensissime liriche d'amore (semplicemente straordinaria la terza, ma anche la settima, la decima, la tredicesima) s'intercalano ad altre più ragionative dove prevale invece la necessità e l'urgenza del commiato e dell'oblio, non certo per disamore ma per la grandezza della meta che si annuncia al di là della Soglia: ...la Luce lontana | ma vera, che alla fine del Tunnel | si spalanca in quel mare di pace | su cui splende senza più accecare | la Luce materna di Dio. Il viaggio verso il grembo iniziale si conclude così nell'assoluta quiete e nell'altrettanto assoluta vertigine che quasi ricorda il culmine dell'avventura dantesca: un paragone forse irriverente, se si guarda quanto quest'opera di Scarselli sia minuta, ma non improprio, se si considera invece lo sfolgorio del suo significato.

autore
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza