Servizi
Contatti

Eventi


Guida alla lettura del poema Genesis

Veniero Scarselli

La lettura di una recensione al mio poema Genesis mi ha fatto venire il sospetto che non tutti abbiano capito il libro, nonostante la chiarezza e semplicità della scrittura. In quella recensione si affermava infatti che si tratta di un poema epico senza eroi.

Genesis invece narra proprio la storia di un Eroe, un San Francesco dei nostri tempi sopravvissuto al Day After del Pianeta Terra distrutto e spianato dalla ferocia e stupidità umana; egli attraversa i deserti nella faticosa ricerca di un piccolo luogo fra le montagne rimaste, dove poter ricreare l’Eden perduto. E’ il percorso di tutti gli anacoreti della nostra e di altre religioni, da S. Benedetto a Buddha, da S. Gerolamo a S. Francesco, che sono fuggiti dal mondo della corruzione e della violenza per ritrovare il contatto con la Natura e col vero Dio, non quello dipinto nelle chiese per la plebe e che la Chiesa crede di rappresentare.

Inoltre, la plebe senza nome e conforto, di cui si parla in quella recensione, è la stessa che da sempre è dedita al peccato e alla guerra, è il popolo dei nostri tempi corrotto dai consumi e dai vizi, dall’abitudine al sangue e alla guerra, e che si sente vivo solo quando spara, ruba, o ha la pancia piena. Anche il Dio distratto la cui immagine di Pantocreatore finisce col somigliare al ritratto sbiadito di un lontano parente non è altro che la raffigurazione tanto improbabile e sbiadita, quanto comica, che ne ha fatto nei secoli la nostra stessa Chiesa.

Perché dunque Poema epico senza eroi? Non è forse Eroe colui che fugge dal Male del mondo per ritrovare la realtà di se stesso, della Natura, e di Dio, recando con sé il progetto sublime di ricreare l’Eden perduto? Il progetto alla fine fallisce, perché il Peccato Originale è inscritto fatalmente nel DNA dell’Uomo e lo spinge quasi senza accorgersene a ripercorrere la storia cruenta dell’umanità; ma ciò non toglie nulla all’eroismo del nostro Protagonista Anacoreta che per anni si ciba di bacche e di radici per essere fedele al proprio grandioso progetto. Anche se alla fine sembra sconfitto, a causa del Male che porta nelle sue carni, sarà la sua stessa Ragione a farlo rinsavire, unita ad un Evento soprannaturale che lo salverà dando un nuovo significato alla sua vita e facendolo tornare ad essere il vero Eroe del poema. E’ vero Eroe infatti chi alla fine riconosce la propria piccolezza davanti alla Natura, alla Morte, e al vero Dio, chi è felice di essere solo una fra le tante creature dei boschi e sa di essere humus per tutte le nuove creature, mentre attende di essere anche lui polvere trasportata dal vento.

autore
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza