Servizi
Contatti

Eventi


Fernanda Duso
Tracciati di luce

 

Padua Art gallery 12-31 maggio 2006

A un folto e competente pubblico Fernanda Duso ha presentato le sue opere più recenti: lavori digitali. oli e acquerelli. La diversità dei materiali ha una costante. un filo conduttore che è il motivo d'ispirazione: l'indagine sulle trame e sui tracciati, sui ritmi e sulle textures.

Diversi i soggetti che scavano nel profondo. Strappi. forme che richiamano aquiloni che si librano in un cielo di scrittura, soli riflessi offuscati appena da pennellate che sembrano piume, variazioni che ricordano le nere scritture giapponesi dove lampi rossi fanno scivolare il segno. Sono tracciati di luce, visioni ravvicinate, optical sottili, forme assolutamente pensate e non casuali.

In tutto questo non possiamo dimenticare i quattro elementi fondamentali nella sua storia di artista: l'acqua, l'aria, la terra, il fuoco. E dunque ecco il mare agitato con le onde arricciate, le nuvole trasparenti in corsa nel cielo, le fiamme guizzanti e i paesaggi onirici dove la terra compare all'improvviso. Il pensiero costante e il richiamo inedito a una vibrazione luminosa trasmessa con interventi di colore trasparenti che sono diventati la sua specialità, ci lasciano meravigliati.

Fernanda Duso ci appare diversa, piacevolmente diversa. I suoi nuovi lavori digitali, particolarmente raffinati e inediti e, come dice l'artista stessa, quasi inquietanti, costringono ad osservare attentamente l'opera. Guardiamo oltre gli acquerelli, creati d'istinto, dove la precisione geometrica che ci è cara e che conosciamo come qualità peculiare di Fernanda Duso, e ci accorgiamo che sono appuntate forme che si originano per trasparenza. Un racconto tra pieno e vuoto, tra colore e non colore. Ed è così anche nei lavori ad olio, dove il dialogo che si dipana anche con la tela greggia, e il colore a volte unico, rivela una dimensione notevole della composizione. Coscienza di una conoscenza acquisita con fermezza e maturità. Lo studio, approfondito, la tenacia nel far venire fuori quanto di meglio c'è in noi, è la molla che ha portato questa artista schiva, timida ma forte, riservata ma capace di gesti profondamente affettuosi per chi le dimostra amicizia che lei capisce essere sincera, a un livello di maturità sorprendente.

È cambiata Fernanda Duso. Chi scrive queste note l'aveva già presentata in una rassegna dove i nudi si alternavano con gli astratti. Opere diverse, interessanti, ma nulla a che spartire con quanto abbiamo visto esposto in questa bella galleria nel cuore della città.

Nei piccoli lavori dove la scrittura è predominante, ma allo stesso tempo attraversata da guizzi di colore, si liberano sensazioni gioiose. Il colore è la nota fondamentale, mentre la trasparenza ne è la conseuenza. Sono opere di notevofe spessore e maturità, se si può dire, di una artista che ha dedicato la sua vita all'arte e con prudenza, ma con caparbietà, piano piano si è fatta strada, senza fare la voce grossa.

Merita il successo che questa rassegna le darà. Perché queste opere piene di sensibilità, Fernanda Duso ce le offre aprendoci il suo cuore.

(da: Padova e il suo territorio, nr. 121, 2006)

   
da sx: Anna Breda, Gabriella Villani, Fernanda Duso in occasione dell'inaugurazione della mostra.
   

Un sogno

Ho portato con me
un sogno
paletta e secchiello
e sulla riva
ho fatto castelli

Con il setaccio
ho passato la sabbia
con le formina
piccoli cuori d'arcobaleno

Ma il mare
ancora
ha trascinato con sé
il sogno dai mille colori

Gabriella Villani

autore
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza