Servizi
Contatti

Eventi


Leo Borghi.
Padova e il Pedevenda medievale.
Itinerario tra pittura e storia

Museo di arte contemporanea "Dino Formaggio"
Teolo 23 aprile-28 maggio 2006

Quello che Leo Borghi ci propone in questa esposizione al Museo d'arte contemporanea "Dino Formaggio" è un nuovo percorso pittorico. A uno sguardo superficiale si riconosce immediatamente la sua mano. Leo Borghi non si copia. Nessuno potrebbe pensare di interpretare, con la stessa delicatezza di colore e di segno, la storia di Padova e dintorni. E dunque questa mostra ci racconta quanto la ricerca del particolare, quanto la presenza di immagini familiari, come le misure del commercio incise nel Volto della Corda e i frammenti di mosaici, e il sole con il carro, siano la molla che spinge l'artista a cercare ancora nuovi spunti. Questa volta non si crogiola nel contesto della città che tanto ama e gli appartiene, ma esce dalle mura e si avventura nei paesi dei Colli Euganei. Nel Pedevenda, come si chiamava questa zona nel medioevo.

Qui Leo Borghi ritrova i suoi "amici": gli olivi grigi e le piccole vigne appena verdi. Ma anche ci consegna un incontro a tre: Lombardo della Seta, Francesco Petrarca e Francesco il Vecchio da Carrara. Frammenti di chiacchiere alt ombra di un albero e dove in lontananza domina la casa del Poeta. Colori lisciati. studiati e resi come affreschi strappati. E gli affreschi dipinti ci sono per davvero, quelli della Chiesa Parrocchiale di Teolo o della Chiesa della Trinità ad Arquà. o il rosone della Chiesa di Baone. Di Teolo ci regala un dipinto con una teoria di Vicari, che ressero le sorti del piccolo comune, e diedero il nome al Palazzetto che si trova al centro del paese ancora oggi. Personaggi come in una storia, una favola colorata per grandi. Come "Speronella" dove l'abbraccio dei due amanti, come dice la leggenda, è rappresentato con nuovi toni leggeri. Ma ci restano ancora, e sempre. i frammenti del Museo di Este, dove la giocoliera " Toreuma " è dipinta con i capelli al vento e sorprendentemente avvolta in un manto turchese. Colore inusitato per Borghi.

È un cultore della storia medievale e questo volerci consegnare una città, i suoi dintorni. la nostra provincia e non solo, avvolti in una luce diversa, ci consola perché è un nodo sereno di vedere le cose. Leo Borghi si scopre, così, sempre un poco fuori dal tempo; è come se camminasse su una nuvola a metà tra terra e cielo.

Chi pensa di conoscerlo davvero resta poi sorpreso, perché, come in questa mostra, per esempio, lo spicchio di sole nella Padova Carrarese sembra un totem, e il cavallo di Ezzelino, che conquista Padova, sembra non voler entrare in città. Favola per grandi.

(da: Padova e il suo territorio, nr. 121, 2006)

autore
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza