Servizi
Contatti

Eventi


Notturni d'arte 2006

Padova
28 luglio – 5 settembre 2006

Vent’anni, tanti quelli compiuti dai Notturni d’Arte. Ormai i padovani sono abituati a questo evento fortunato per il suo alto contenuto culturale. In una affollata conferenza stampa, l’Assessore Bolbinot, coadiuvata da Mirella Cisotto curatrice con Alessandra De Lucia dei Notturni, ha spiegato come non sia stato facile trovare dopo tanto tempo, un argomento che fosse interessante e allo stesso tempo coinvolgente. Ma Andrea Mantenga di cui ricorre il quinto anniversario della morte, assieme a Giotto, Giusto dè Menabuoi, Donatello e Altichiero, sono gli artisti “filo conduttore” dei percorsi che con visite guidate e conferenze, porteranno i padovani e, non solo, alla scoperta dell’interpretazione e della rappresentazione dello spazio nell’arte. Si partirà dall’intuizione dello spazio prospettico nella pittura di Giotto,per passare a lo spazio astrologico del Salone e quindi alla “natura come spazio architettonico vivente” con visite all’Orto Botanico, a Parco Treves dè Bonfili e al Giardino Romiati aperti dai proprietari in occasione delle visite. La Basilica di Santa Giustina e del Santo, la chiesa del Torresino e di Santa Sofia offriranno la “concezione dello spazio sacro”. “Lo spazio architettonico privato” verrà offerto da Palazzo Papafava e Palazzo Cavalli il primo, tuttora abitazione, e l’altro sede universitaria, altrimenti non visibili. Cronologicamente si passerà allo spazio contemporaneo “come mascheramento urbano” nelle performance di Donato Sartori al Museo Internazionale della Maschera ad Abano. Tutto questo e altro ancora, concerti, visite fuori porta in battello, musica e danza. Un’estate piena di sorprese fino ad aspettare la grande mostra di Andrea Mantenga il 16 settembre.

in: Padova e il suo territorio, nr. 122, 2006

autore
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza