Servizi
Contatti

Eventi


Vinicio Boscaini
Momenti di vita e di pittura

Ex Scuderie Palazzo Moroni

È definito il "poeta dei colli", perché non ha mai dimenticato il Veneto, terra dove è nato, pur se nella sua storia artistica c'è un importante passaggio giovanile in America.

Vinicio Boscaini è pittore di Venezia, delle nature morte, dei ritratti, delle folle messicane e delle processioni. Ha una lunga militanza nell'arte, espone dal 1956 in Italia e all'estero. Sull'intera sua opera il colore è elemento predominante, una "musicalità" la cui potenza creativa gli viene dai grandi maestri dell'impressionismo: Braque su tutti, ma anche Picasso ed i fauves per la loro selvaggia violenza espressiva del colore. Le sue pennellate forti, sicure, senza indugio, danno compiutezza all'opera, poesia che emerge costantemente dalle tele come segno pregnante. Dolci gli occhi delle fanciulle, ornate di collane vivaci, in un contesto che suscita serenità e compostezza. Il suo paesaggio rivisitato, fantastico, ci propone una Venezia "in blu" inusuale e sorprendente, lo stesso paesaggio, ma più contenuto, che s'incontra nelle nature morte: Finestra e pesci, Tavolo rosso, Missione verde. La tipicità del colore del paesaggio veneto, quello collinare degli Euganei, è nei dipinti di Boscaini, contrariamente agli altri suoi lavori, tenero, quasi liquido, reale. Un sentimento di affetto per la sua terra d'origine che non ha mai voluto "tradire" con un'interpretazione troppo nuova o diversa.

La "primavera" sui Colli ha proprio i fiori bianchi dell'albero di ciliegio.

(in: Padova e il suo territorio, nr. 97, 2002)

autore
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza