Servizi
Contatti

Eventi


La magia iconica della copertina di Salvatore Caputo, artista che ricordo con particolare apprezzamento per una sua mostra al Castello Aragonese di Taranto, "Guardando il mare", offre una visione metafisica e misteriosa alle ripercussioni esistenziali della valida poetessa palermitana Francesca Luzzio, che nell'avallo dell'amico Tommaso Romano e delle edizioni accurate della Thule, trova l'interesse e l'esito per additarci percorsi dell'essere che reitera e ripercorre il Mito e il Quotidiano, la vicenda colta letteraria tra dediche e immutabilità sociali, l'epifania di una scrittura che si manifesta immediata e meditata nel contempo, amena e discorsiva, sempre pronta al sagace valore di una lingua che impreziosisce la parola e la transustanzia nell'invenzione lirica, nella moltiplicazione dei sensi, tra leggerezza e molteplicità, così come suggerito dalle esemplari Lezioni americane di Italo Calvino. Indagare dentro la propria coscienza, cogliere le percussioni musicali che risuonano nel concerto della vita che ha eletto, il suo golfo mistico, per orchestrare le vicende, i concetti, i pensieri, le idee, le esperienze, il vissuto e le relazioni di una vita sublimata nella scelta poetica, aperta alle ascese trascendenti, ma non disgiunta dalle immanenze della contingenza umana, significa attribuire alla poesia la forza ideale della misterica adesione all'evento, sulla rotta suggerita da Robert Musil quando coniugava Anima ed Esattezza. Ma indica anche la coesione con l'incanto procurato dal Dialogo con il cielo, laddove All'anfora del tempo scandisce spazi e prodigi, magie e brividi azzurri, sogni e consapevoli germogli della conoscenza, per sfidare le colonne d'Ercole, per esplorare la verità nel cerchio dell'io, quanto del noi. Francesca Luzzio invita Alla luna a navigare sul mare, ma come sbuccia All'arancia solare, così insegue l'innocenza colorata che si insinua tra le ombre dei doveri, per raccontare nella vittoria delle parole, il principio del verbo che trova il suo fine ed il suo mezzo nella valle dell'Eden in pagina che si nutre della Poesia.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza