Servizi
Contatti

Eventi


Poesia di sapore classico e altamente emotiva

Paesaggi della natura, fenomeni atmosferici, sensazioni psicofisiche ed emotive, moti dell'anima sono le tematiche fondamentali della poesia di Graziella Minotti Beretta. E la poetessa, attenta a tutti questi mutamenti reali, metafisici, psicologici e spirituali, ne viene colpita nel profondo tanto da volerli accogliere A braccia aperte come si accolgono le cose più care della vita per poterle stringere al cuore "che richiude da sempre | i suoi sospirati voli".

E sono tanti i "sospirati voli" che la portano a ricordi e richiami di estrema gioia e di rasserenante e rasserenata malinconia. I contenuti della sua poesia così sono descrizioni di forti sentimenti, quelli che, in primis, ogni grande poeta non può non dedicare alle sue persone più care. Ed ecco le belle poesie dedicate alla mamma Margherita, raffigurante tutto "l'universo", il cui "ricordo va dilagando semoventi rime"; al padre, di cui le "restano dolci ricordi" come "quelle caramelle lasciate là a sorpresa, o quel sorriso | fingendo... a seguire i miei passi"; alle figlie "dono del mistero, dell'amore"; e "Al proprio amore" a cui dedica le espressioni poetiche più sentite, più profonde, degne di essere accomunate a quelle classiche delle grandi poetesse del passato quali: Giovanna Colonna, Veronica Gambara, Gaspara Stampa, Tullia d'Aragona, Contessa Lara, tanto per citarne alcune del passato senza arrivare alle contemporanee, di cui è doveroso citare l'appena scomparsa Alda Merini.

Ma rileggiamo i versi bellissimi della Graziella Minotti Beretta e constatiamo che non ci siamo sbagliati a paragonarla a quelle delle Grandi sopra citate. "Ascolta tra i silenzi | la preghiera non consolata | di un'anima scalza che *** | *** il tempo che avanza | per ricomporsi della stessa sostanza". Bellezza espressiva, malinconia, forte capacità emotiva sustanziano il profondo canto poetico di Graziella Minotti Baretta. Ogni suo componimento racchiude una confessione motivata dal momento e l'occasione che le hanno suggerito il canto; così un fenomeno della natura, una sensazione provata, un avvenimento personale la colpiscono dentro e la invitano a storicizzare ed eternare in poesia i suoi moti interiori.

Poche volte mi è capitato di leggere poesie così profonde e interiorizzate; Graziella Minotti Baretta me ne ha dato un'altra occasione e la ringrazio: la vera poesia è quella che tocca l'animo e la mente, e questa della poetessa di Premeno ci riesce egregiamente. Mi complimento con lei e le auguro sempre tanto successo poetico e ammirazione culturale.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza