Servizi
Contatti

Eventi


E-Marginati

Cara Anna Maria, ho letto il tuo libro E-marginati.

Alcune impressioni (più che giudizi, meditate) critiche.

Contenuto: rassegna a 360° gradi, un po’ rivolta all’indietro, nella propria esperienza molto all’intorno, nella realtà quotidiana. La galleria è ‘dolorosa’: un’umanità che crede, spera, soffre, scopre la delusione, l’ineluttabilità della sorte. Pure ha una sua specifica vitalità, anche testarda talvolta, comprensibile. Non c’è riscatto, pare, ma comprensione, si, non c’è simpatheia, ma pathos interiore anche per il lettore, si.

E compito di chi vede e capisce è, se ne ha gli strumenti, rilevare, segnalare, elevare, un po’ per rispetto dell’umano in ognuno, un po’ per una pietas etica, che viene dall’interno e da lontano.

Lingua: alla ricerca della radice poliespressiva, a rischio di essere sperimentale, neologistica.

E questo aspetto è propriamente tuo, Anna Maria: è il tuo strumento espressivo privilegiato. Sicchè, tutto è innovativo, sguardo e parola.

Seguirti in questo processo espressivo è un arricchimento progressivo, non indolore, per la partecipazione emotiva, pure preziosa.

Un bel lavoro poetico, dunque, un’opera che ha il tuo sigillo, ben riconoscibile.

Frutto di maturazione stilistica e sensibilità di sguardo e di anima. Complimenti.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza