Servizi
Contatti

Eventi


Quando el sol va in catinora.
                Storie, done e meni, tir fra da le pagine de Quatro Cicoe (2006–2017)

Il “Corona” d’oggi, ci fa pensare alla “Spagnola” di ieri, che, con la prima guerra mondiale, allora in atto, ha tormentato il mondo.
Ce ne parla un interessante testo, stilato in dialetto di San Pietro di Morubio (Verona), dalla scrittrice Lucia Betrame Menini, Verona.

Conosciamo bene, purtroppo, il Coronavirus e le sue gravi conseguenze, sugli uomini e sull’economia, ma, non possiamo prevedere, se e come ce la caveremo. Rimane la speranza di poter liberarcene e di crearci la forza, per ricostruire rapidamente il perduto. Un’epidemia s devastante, quale Corona virus, si ebbe nei lontani anni 1918 (era in corso anche il virus della prima guerra mondiale) -1919. Quella pandemia colpiva i polmoni, come il Corona, fu denominata, in modo volutamente scorretto, “Spagnola”, creava, in Italia, circa 600.000 morti, cifra, che fu superata, negli Stati Uniti, mentre, nel globo, si ritiene, si ebbero dai 25 ai 50 milioni di vittime, tenuto conto che, in quei tempi, la raccolta di dati e i mezzi di comunicazione, specie in Asia e in altre zone del globo, non erano certo quelli d’oggi. La “Spagnola” non ebbe origine in Spagna, ma fu denominata cos, perch unici a parlarne liberamente erano i quotidiani spagnoli, mentre, per motivi di censura, non trattavano il tema i giornali dell’Europa, in guerra. Una modesta premessa, questa, in quanto, di seguito, proponiamo un testo, molto interessante, per il suo reale contenuto storico, che, presenta il breve arco di vita di Ottavia, giovane innamorata di un certo Bpo – il fidanzato, impegnato al fronte – la quale muore, appunto di “Spagnola”, cos, come molto facilmente si muore, oggi, di quell’invisibile Corona, che non perdona. Il testo: “La Ottavia ne l’ovale de piera”.

“cola, la Ottavia: l’ la prima che me vien incontro: i oci malinconici, ma fondi come el spjo de on lagheto, propio quei de na dona zena de et. On viseto da l’ovale quasi parfeto, incastr ne la piera, in mezo a sfumadure grise. Quando vao al me paese, no manco mai de nare al canposanto, ne la parte vecia, dove gh i me cari. Dopo on segno de crose, me nvio nel vialeto fodr de silenzio; solo qualche oseleto desturba la calma, insieme a i me passi che i scrzola su i sasseti bianchi par tera. L’ on percorso lento, fato de rechie e de oc longhe su le tonbe. Carezzo la Ottavia co i oci... Me nono, so fradel, chela foto l el l’ava ricav da una da nuzza. I ricordava spesso de quando la fameja l’era emigr in Mrica nel 1893. I st l dies’ani; po’ el reciamo de le so raise l’ st pi forte che mai; spaent da i stenti e da la vita de miseria che ghera anca l, i torn de olta co du buteleti de manco, fii de so sorela Marieta: uno la l’ava perso nel viajo de andata e i ghe l’ava but in mare; chel’altro, morto nel viajo de ritorno, la se l’ tegno tac a la teta come se ’l fusse vivo, cuss la ga av la trista sodisfazion de poder sepelirlo, na ’olta toc tera. La Ottavia: na butela decisa e caparbia, co la voja de far strada ne la vita. La vola deventar maestra e, a scola da le Canossiane de Legnago, l’ inpar anca a ricamare e a farse la dota. Po’ l’ tac a laorare da uficiale postale, adeta al telegrafo in te on paese vizin. Co le so cotolone longhe fin a i pi, la parta in bicicleta a la matina bonora e la tornava a la sera. E intanto la sognava... La ghe fasa l’amor a Bepo Tognella da quando l’ava conpo sedes’ani, ma quando scopi la guera del ’15, el so ben l’ cognesto partire. “Sono al fronte sul Col di Nava...” el scriva, “ma ti porto sempre nel mio cuore”... Da prinzipio, el ghe scriva de spesso, po’ pian pian le missive le s’ fate pi ciare. La Ottavia la se intristiva senpre de pi, anca parch, par el so laoro, ghe passava tra le mane tante cartoline postali in franchigia de altri sold, ma par ela, par tanto che la stesse atenta, no ghera mai gnente. Ormai se era nel ’18 e la Ottavia la continuava la so vita grama, laorando pi de prima, in sostituzion de gente che mancava dal servizio par malata. Tuto a on trato, na sera la torna a casa, la mola la bicicleta in modo brusco sul slese, la se cava i mudandoni par la mossa e la core s in cmara sua... Ormai l’era sete giorni che l’era ser s; la febre no la le molava mai. El dotor, dopo ’verla visit, l’ but con rabia el capelo par tera; cuss i parenti i capo: chela tosse stizosa, tuto chel sudor, i era i segni de la so malata. Nel delirio, la Ottavia – nella foto – la mandava via tuti: “’Nd via” la disa, “son indro a parlare con Bepo”! El 4 de novenbre, propio quando sonava le canpane de la Vittoria, sul slese de casa ghera i cotari co ’l baldachin e el prete indro portarghe el Santissimo a la moribonda. L’ spir el 13 de novenbre. La gente disa che la Ottavia, pi che de “spagnola” l’era morta par la “passion del moroso”. In casa vecia, ne la camareta dedro, rest ancora el baule de la so dota e l’onbrelin bianco che la s’ava ricam co le so stesse mane. Sul com de nogara, in sala, gh ancora el segno de brus, par el sigaro che ’l dotor, da la rabia, el s’ava desmenteg tac.”

Un racconto interessante, che introduce il Lettore in un romantico tempo che fu. Tempo, reso terribile, tuttavia, per soldati e famiglie, dall’allora guerra europea, in corso, e, dalla realt, quasi, pi funerea del conflitto, creata dalla “Spagnola”, e, quindi, non certo, non meno apportatrice di vittime, di quante non ne crei il virus d’oggi. Ottavia ha lasciato i suoi cari, la terra, le sue speranze, per le quali viveva. Non stato l’amore a toglierle la vita, ma la “Spagnola”, senza piet. Cos, come infierisce su di noi il Corona…, contro il quale, con ogni sacrificio ed ogni mezzo, dobbiamo vincere la battaglia. Ma, ci si permetta un’ulteriore importante considerazione: il testo riportato stato redatto, nel dialetto locale… Lavoro importante, quindi, che contribuisce, non solo a fare conoscere tale dialetto, ma, anche a dare allo stesso continuit, nel tempo, quale madrelingua d’un lontano passato e viva, ancora, oggi.

 

 

Recensione
Literary 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza