Servizi
Contatti

Eventi


Di quell’amor...

Questa raccolta in versi è un inno all’amore, in un canto a due voci, quelle dei giovani Amir e Sada, che danno corpo al loro sentimento attraverso parole dense di pathos e di lirismo, che le rende particolarmente suggestive. Le loro emozioni vengono espresse in modo genuino e spontaneo, ma non senza raffinatezza estetica: “con te | questo mare | s’indora | d’infinito…” (Sada); “le tue parole | bianco cavallo alato | in plaghe d’azzurro | insieme | c’innalza | su | su | lontano dalla terra | lontano | lontano…” (Sada); “ma di lassù | cirri | soffici cirri | scendono.” (Amir). I due innamorati si rincorrono l’uno con l’altro come onde che si riversano spumeggianti nel mare: “il nostro incontro è | luce | qui | onda che scintilla | abbaglia | radiosa spumeggia | la via lascia | dietro di sé lucente… | così | tu | sei | e | onda | anch’io | ombra della tua onda | di te | m’illumino | mia vita…” (Amir). Si anela a naufragare nell’altro, senza appartenere più a se stessi, in una volontà di fusione simbiotica con l’amato: “Vita, | mia vita | fermati | non essere più mia, | dell’amato sei | unità! | (…) pure la luna il suo corso ferma | sosta per noi | l’onda | le infinite perle acquoree | lor danza arrestano | stasi vibrano | bellezza…” (Sada).

È voluttà di dissolvimento nel primordiale liquido amniotico che dà origine alla vita: “Insieme scorriamo… | qui | acqua | sono | acqua | a te allacciata | sciolta | d’affanno logos | sciolta | da cunicoli | tenebre. | Oh… | poter fluire | così | anche domani | così | e i giorni che seguiranno | ridente acqua | vergine | d’ogni morbo | vergine!” (Sada). Quello della relazione amorosa è l’esodo più avvincente: un uscire da sé per abbracciare l’altro, come un fiume che si getta alla foce, esplorarne il “paesaggio favoloso”, come scriveva la Morante, che ognuno può contemplare nel mondo interiore di chi si ama: “voglio guardarti | guardare i tuoi occhi | dorata trasparenza | anima | bellezza, | il volto gentile | voglio guardare | le tue parole | sorriso di vita, | dentro il tuo cuore viaggiare | - per terre e mari perché andare? - | nell’anima immensa | nella tua anima | voglio viaggiare | il viaggio più bello…” (Amir). “L’amor che move il sole e l’altre stelle” è vibrante armonia universale di cetra che risuona per tutto l’etere e si modula in questo grazioso duetto: “Cetra, | sonante cetra | per te | l’amore canta | eternità | e note si spandono | per terre e mari | nell’anima risuonano | dolci note…” (Sada). Un intenso lirismo avvolge i battiti del cuore degli innamorati: “Per mano prendimi | ali | i nostri passi | taciti, | lì | s’indorano crespe | carezze | sussurrano | nel sole | sfiora l’onde | un veliero | il nostro sogno | invera…” (Sada).

L’abbraccio amoroso ha un’eco cosmica, che risuona fin nelle celesti sfere: “Tu m’abbracci | e | un bouquet di stelle | fra te | e | me | di stelle | un bouquet | improvviso | scende, | luce i nostri sorrisi | parole | perle d’amore | e | onde | dal mare | scintillano | sino a noi | danzano | lucidi pensieri ci avvolgono | verdi | zefiri | freschi…” (Amir); “Tu m’abbracci | e | plana | il blu | soffice | plana | te | avvolge | me | con te | girotondo d’amore… | vivente firmamento | ci cinge | e | stelle | anche noi | stelle | splendore siamo | eternità…” (Sada). Prima di incontrare l’amato, si riconosce che la vita non era vita: “Ti guardo… | prima di te che mai la vita?”. Si paventa che il dolce incantesimo prima o poi sia destinato a spezzarsi: “Altri lidi | per noi | lidi | altri | salvezza | Sì | ogni terra | nido | ma | legami | qui | incatenano | legami | al laccio prendono, | (…) le nottole vinceranno | già succhiano | svuotano | e l’isola | può inabissarsi | la nostra isola fatata…” (Sada). La preziosa felicità e sacralità del rapporto amoroso sono sempre minacciate come un iridescente arcobaleno esposto alla furia dell’uragano: “Archi di trionfo | i nostri sorrisi | stelle nel firmamento delle pupille | e sirene cantano… | Vero amor vivete | bella giovinezza | momento eterno | arriverà l’inverno | questo amor serbate | l’inverno arriverà | il gelo… | (…)

L’amore è fragile ampolla di vetro.” (Sada). Infatti, ecco che il temporale tanto temuto sopraggiunge e abbatte i fragili germogli spuntati nella ridente stagione della primavera: “non scampiamo al naufragio | e | s’alzano vittoriosi | i corvi | beccano il cielo. | Siamo pioggia acida | il nido sognato | marcisce | la nostra terra | è | deserto.” (Dentro di noi). La fine di un amore è un lutto impossibile che avvelena l’esistenza e, come il mare che d’estate era un’azzurra distesa di luce e ora non si riconosce più nelle sue furiose mareggiate, così, quando l’idillio amoroso è infranto, tutto quanto di meraviglioso si accarezzava in un vagheggiamento estatico è deformato: “non è più luna la luna | questa sera | non scendono le stelle a danzare | con me | e | inani braccia | serro | la tua assenza | profonda. | O superbo dolore!” (Questa sera). Lo sconforto di un amore perduto scaraventa dal Paradiso intatto e luminoso all’inferno desolato e tenebroso: “Or in tenebrosi inferi Euridice dimora | e | tu, | Orfeo, | dove sei, | mio Orfeo dalla cetra muta?” (Abbia oggi…); “È notte fonda anche se mattino | lame di sole oscuro | affilate lame | fendono il cuore | spigoli neri, | immota vivo le mie fatiche.” (È notte).

Antonietta Benagiano, in questa moderna rivisitazione del Cantico dei Cantici, canta l’amore in tutta la sua vivace dialettica di gioia e dolore, nel suo gioco bipolare di incontri e distacchi, nel suo chiaroscuro di luci e ombre, attraverso melodie delicate e intense, in un linguaggio semplice e universale, ma al tempo stesso impreziosito da suggestive immagini e permeato di rarefatto lirismo.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza