Servizi
Contatti

Eventi


L'introduzione, che dà il titolo a tutto il saggio, focalizza alcuni personaggi ed episodi, studiati analiticamente, che spiegano il senso della «minorità»: che si definisce, non sociologicamente ma evangelicamente, nella «fraternità», umile e generosamente obbediente ai fratelli. Alcuni punti della sezione prospettica riescono ad approfondire intuizioni più o meno veloci, in genere, lanciate dalla critica, e riequilibrano giudizi spesso distratti. La sezione peculiare, sui personaggi «minori» cappuccini (pp. 56-126), si avvale di riscontri storici, archivistici e letterari.

Le interpretazioni dello studioso capovolgono in diversi casi quelle della critica corrente e si attengono al testo manzoniano con un’attenzione valida anche come metodologia critica; esse tendono, sempre, a scavare nella prospettiva dell’autore, psicologicamente e storicamente, così da presentare una lettura sollecitante ed originale, e sempre solida, non solo dei personaggi in oggetto, ma anche dell’universo mentale del Manzoni.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza