Servizi
Contatti

Eventi


Premessa dell’autore a
Paesaggi toscani ed altro...
di Gianni Calamassi

la Scheda del libro

Gianni Calamassi

Ristampare dopo più di 10 anni “Paesaggi toscani e oltre” apparsi nell’Antologia “Orizzonti 20” editi nel 2002 da “Il libro italiano World” mi riempie di soddisfazione. Quelli che nacquero come “Paesaggi d’Amore” e poi furono suddivisi in due raccolte, di cui “Compos mei” è una, che raccoglie i brani che hanno avuto una vita propria, anche senza l’appoggio del paesaggio. Chiaramente ho tolto i riferimenti all’amore, lasciando solo il disegno introduttivo. Per questo anche il titolo è cambiato da “Paesaggi d’Amore” a “Paesaggi toscani e oltre”. L’oltre è riferito a tre brani sul Gargano nati a seguito di una lunga vacanza pugliese.

Un breve accenno pieno di rammarico è rivolto alla musica che il compianto Maestro Angelo Iuorno aveva iniziato a scrivere per “Canzone”; non l’aveva finita perché non gli piaceva la necessità delle ripetizioni musicali in una “canzonetta” come chiamava lui i brani musicati con quel fine, lui che aveva trasformato la “Banda Chiti” di Prato in orchestra ritmo-sinfonica e aveva musicato “Cronache di poveri amanti” per la regia di Carlo Lizzani, andato in onda al Fabbricone di Prato e successivamente trasmesso dalla rete televisiva nazionale.

Che l’Associazione Culturale Nuovi Occhi Sul Mugello mi abbia proposto la riedizione, dopo che i nostri legami culturali si sono intensificati, è stata una piacevole sorpresa. Anche questa raccolta, come altre, è suddivisa in capitoli dedicati al Mugello, alla Maremma, alla città e alla campagna, al mare e al Gargano.

Ho imparato così
che chi non spezza i propri rami secchi
con la tempesta, morirà esaurendosi,
e chi non suscita una rivoluzione
per strapparsi di dosso le foglie morte
perirà in un lento declino.

Questo scrive G. K. Gibran in “Terra di ognuno” e io credo che solo vivendo con l’ingenuità e la sorpresa di bimbo la natura sia possibile rinnovarsi, una natura in cui la presenza dell’uomo non sia invasiva e violenta, in questa terra che ci ospita e cambia solo per l’intervento aggressivo dell’uomo.

Gli schizzi che ne fanno parte sono nati per questa silloge  ed in essa sono inseriti.

 Vi lascio a queste pagine con la serenità di chi guarda a questi brani, che hanno raggiunto e superato i 30 anni, con una proposta per viaggiare nella fresca e lucida fantasia che il paesaggio suscita in chi ne è innamorato..

Giugno 2015

Materiale
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza