Servizi
Contatti

Eventi


Sebastiano Schiavon, lo “strapazzasiori”

«L’assetto della società moderna per il naturale sviluppo della umanità in un secolo di progresso deve essere certamente democratico. Ai principî di una sana democrazia – che tende alla elevazione graduale delle classi umili in conformità coi dettami della giustizia e della carità, insegnando ai grandi come ai piccoli a riconoscere praticamente i propri doveri ed i propri diritti – io ho uniformato e sempre uniformerò il mio pensiero e la mia opera». Si tratta di una frase del discorso agli elettori di un “cattolico-candidato” padovano, Sebastiano Schiavon (1883-1922), una delle figure più significative del movimento cattolico veneto di inizio ‘900. Un suo profilo biografico – accompagnato da un’interessante raccolta di documenti – viene tracciato da Massimo Toffanin in un volume che ricostruisce in maniera analitica anche il ruolo del sindacalismo bianco nel Veneto centrale e la vicenda dei cattolici impegnati in politica a cavallo della Grande Guerra. La provincia è quella di Padova, la diocesi è quella di Luigi Pellizzo, vescovo di enorme personalità che sfrutta al massimo le potenzialità dell’associazionismo cattolico, in particolare di quello giovanile, che costituisce, alla fine degli anni ’10, un serbatoio di risorse da spendere innanzitutto nelle organizzazioni sindacali e, di lì a breve, anche politicamente. Si tratta, del resto, di un fenomeno comune anche alle altre diocesi del Veneto, come ad esempio quella contigua di Treviso, dove sotto la guida del vescovo Andrea Giacinto Longhin si sviluppa la potente azione sindacale di Giuseppe Corazzin e Corradino Italico Cappellotto. Il padovano Schiavon appartiene alla stessa generazione di Giuseppe Dalla Torre, Gavino Sabadin e Cesare Crescente, che fanno parte della Federazione giovanile diocesana, tutti destinati a ricoprire ruoli importanti sia a livello locale che nazionale, con il primo addirittura alla direzione dell’”Osservatore Romano” per quarant’anni.

L’attività sindacale di Schiavon inizia nel 1908 con la nomina a segretario dell’Ufficio cattolico del lavoro, strumento fondamentale non solo di organizzazione e mediazione sociale, ma anche di contrasto alle analoghe iniziative messe in campo dal sindacalismo socialista. Per farlo, il giovane avrà a disposizione anche le colonne del settimanale diocesano «La Difesa del Popolo». È proprio l’antisocialismo a costituire il tratto più rilevante di questa fase ancora di gestazione e proprio sullo stesso terreno – la propaganda tra gli operai e i contadini – e negli stessi luoghi, in particolare la Saccisica, dove nell’estate del 1908 sono più intense le agitazioni delle lavoratrici tessili. Nei mesi successivi l’attenzione di Schiavon si sposta anche verso il mondo rurale e nel maggio del 1910 è tra i fondatori, a Cittadella, del Sindacato veneto tra i lavoratori della terra, la prima struttura di organizzazione dei contadini di tre province, Padova, Treviso e Vicenza. È in questo periodo che diventa noto come lo “strapazzasiori” per le sue posizioni intransigenti verso i notabili e la difesa dei diritti degli iscritti alle Unioni del lavoro.

Si tratta di una forza potenzialmente enorme che consentirà a Schiavon di essere eletto deputato in maniera plebiscitaria nel 1913 ad appena trent’anni, diventando il referente nazionale dei cattolici padovani, che proprio nel collegio di Cittadella-Camposampiero – a lungo egemonizzato da Leone Wollemborg – hanno la loro roccaforte. Come candidato non un reale competitore, dal momento che sia Wollemborg che il conte Cesare Bonacossa si ritirano per tempo. I liberali del collegio non hanno dubbi sull’esito delle urne e invitano all’astensione: «Elettori democratici, il collegio di Cittadella-Camposampiero, che per poco non mandò altra volta al Parlamento un conte papalino austriacante, vi manderà presto un sindacalista clericale. È giusto: la legge dà ragione al numero e indubbiamente il numero è nelle mani dei preti. Opporsi a questa irruente fiumana di aberrazione è vano: lasciate che passi. È triste, ma ineluttabile».

Ma il successo elettorale di Schiavon, schiacciante, è costruito tutto sulla sua profonda conoscenza del mondo rurale, dei suoi disagi e delle sue spinte sociali: «Generale è il lamento della mancanza di leggi eque, le quali rispondano alle attuali condizioni dell’agricoltura ed abbiano convenientemente a regolare i rapporti fra proprietari, conduttori dei fondi, lavoratori, e togliere così tutti gli arbitrî, gli abusi, i danni derivanti dalle così dette consuetudini che si presentano qua e là con forma e valore elastico, mutevole, spesse volte indeterminato, la cui interpretazione è lasciata al capriccio delle parti contraenti».

“Cattolico-deputato”, la guerra vede Schiavon su posizioni neutraliste – sarà tra coloro che nel maggio 1915 negherà il voto al governo Salandra – e durante il conflitto si segnala per la sua attività parlamentare e per l’organizzazione dei comitati di preparazione civile per i quali s’impegna fin da subito di fronte agli elettori del suo collegio. Nel corso della guerra si farà carico anche della situazione dei sacerdoti veneti e friulani internati perché sospettati di disfattismo e dei profughi dell’Altipiano di Asiago che, a partire dal maggio del 1916, in conseguenza della Strafexpedition, si sono riversati nelle diocesi di Vicenza e di Padova.

Ma la vera svolta si avrà nel 1919 con la nascita del Partito Popolare che ridefinisce il ruolo dei cattolici nella vita pubblica. Impegnato nella costituzione delle sezioni del nuovo partito, Schiavon accetta di tornare alla direzione dell’Ufficio del lavoro per dare soluzione ai problemi del dopoguerra: il rinnovo dei patti colonici, la difesa della piccola proprietà, lo sviluppo del cooperativismo. La vera sfida è però l’organizzazione delle leghe bianche per contendere a quelle rosse l’egemonia del mondo mezzadrile. Dopo un iniziale accordo con gli agrari, la situazione precipita nel 1920 – nel frattempo Schiavon è stato riconfermato alla Camera – quando diventa chiara la doppia matrice del Partito Popolare e l’influenza sempre più forte che riesce ad esercitare la classe padronale, pronta a chiedere non solo l’intervento della gerarchia ecclesiastica, ma anche a rivolgersi allo squadrismo per difendersi dal “bolscevismo bianco”. E la mancata ricandidatura alla Camera alle elezioni del 1921 è probabilmente da attribuirsi anche alla svolta della diocesi, decisa a togliere ogni sostegno alle leghe cattoliche e a isolare Schiavon che immediatamente tenta di dare vita, in contrapposizione ad un partito ormai egemonizzato dai notabili e dagli esponenti del Credito veneto, ad un movimento cristiano-sociale simile, per certi versi, a quello di Guido Miglioli a Cremona, di Romano Cocchi e Giuseppe Speranzini a Verona, di Cappellotto a Treviso. Uno sforzo che si rivelerà tuttavia inutile e che sarà interrotto dalla sua prematura scomparsa. Se l’impegno concreto dei cattolici in politica all’inizio del ‘900 costituisce la novità, la figura di Schiavon è da questo punto di vista una delle più rilevanti, se non altro per la sua capacità di leggere le trasformazioni della realtà del Veneto centrale e di proporsi come elemento di rottura rispetto all’alleanza tra clericalismo e conservatorismo sociale.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza