Servizi
Contatti

Eventi


Bonsai

Occupandomi della precedente raccolta poetica di Lucio Zinna, Abbandonare Troia, avevo messo in evidenza come: «La ampiezza dei versi, la loro disposizione a significare non negli interstizi ma nella costruzione dell’impianto, sono volte niente affatto verso una direzione di componimento mimetico e collettivo in cui i tratti sistematici possano andare nel grande spazio dove convivono modelli sintagmatici, frammenti tipici, vedute di gruppo e formulazioni del linguaggio comunicativo». Volevo metterne in chiaro la originalità, concetto che è sempre più soffocato quanto più in Italia si sviluppano le mode del poeta come semidio tutto intento a rispondere all’appello del «dire originario» nominando il sacro, cioè il venire a contatto di dei e uomini. E per i monoteisti? e per gli atei? non c’è la trippa della poesia.

E, prendendo spunto da quanto in questa estate è sulla bocca di tutti, gli ipotetici prestiti che l’ultimo libro di Milo De Angelis avrebbe preso da altri poeti (da me in maniera inequivocabile) questa critica cosa dovrebbe postulare se non che qui il sacro è un falso sacro perché in esso non si sono incontrati veri dei e veri uomini, ma qualche loro fotocopia, qualche delegato, factotum, faccendiere, facsimile, rimasuglio.

In Bonsai Zinna è del tutto lontano dal prospettare un sacro ridotto a teologia senza Dio, o a solipsistico e nevrotico anti tran tran quotidiano. Piuttosto, memore della grande lezione di Rudolf Bultmann (per cui per es. essendo le formulazioni linguistiche dei testi sacri inadatte alla «cosa» e essendo proprio il mito la forma tipica di questa obiettivazione, l’interpretazione deve innanzi tutto compiersi sul versante della demitizzazione) egli sottopone a processi di demitizzazione una notevole quantità di reale.

Nella prima parte del libro che a me sembra terminare con il modernissimo: «Salvaguardare l’intelligenza | primo scudo stellare» l’autore può lanciare dal di dentro del suo sistema e della sua lucida e fermentante coscienza pensose occhiate verso «Il prossimo tuo», i «Pauperes spiritu», Saulo, o ancora più in su come in Preghiera per i liberatori: «Liberaci o Signore | dalla prepotenza di coloro | che hanno sempre qualcuno | da liberare. | Liberaci da questa loro | anomala schiavitù ». Ma anche verso cose e fatti contemporanei, gli stanchi riti della turba di sedicenti filosofi in Ballatetta comisana, in un processo che non esclude né la città dove Zinna, siciliano, vive: «Palermo che vende che compra capitale | di morti ammazzati...» né certe manifestazioni dell’amore, fino a deflagrare in Legge Merlin, in cui il discorso viene preso da molto lontano, da aeree metafore, per piombare in: «Resta l’illusione di una gentildonna (dama di carità rosso – | targata) che volle sterzare percorrendo secoli di pena | impervie biografie oppresse ribellioni che tentò generosa | e categorica una volta per tutte avec un coup de loi | di ristabilire l’ordine pubico».

Sennonché l’ultima sezione Lisieux presenta un notevole cambiamento di ottica col prevalere delle necessarietà esistenziali legate all’io nel suo porsi come agente di chiare vicende extraumane, per cui il fare transitivo nel suo formarsi e estrapolarsi si integra con una vistosa serie di sollecitazioni provenienti da altre voci che avanzano in una robusta trama, come in La tartana: «Una tartana per l’atollo Inconnu oltre le nebbie | dove mani non scagliano pietre – i bisturi d’ossidiana – | planano i castelli senza fossati ponti levatoi | sugli spalti non sventola vessillo. Protese le braccia | nessuno grida bisbiglia né riti governa. Incita | saldezze il vento sollecita rifugi la tempesta. | Domestici gli animali hanno anagrafe e medico. | Il rosso colore del sangue accomuna le razze | solo nemico il male biologico. Una tartana | oltre quelle nebbie». In queste ultime poesie sono introdotte serie emblematiche tese a costituire eventi al di là di collegamenti subitanei esplorando sia il costituirsi dinamico della realtà sia porzioni di essa ormai depositata e fissata, ma rivisitata in nome di una diversa dicibilità: Zinna costruisce potenti articolazioni allegoriche dove fisionomia di oggetti, fantasia evocativa e discorso gnomico si intrecciano a comporre una non momentanea verità.

È proprio di «renaissance » che l’autore parla nella dedica al libro, rinascita alla vita, e in una estrema sintonia vedo che in Zinna le esperienze si dipanano con una nuova visione in cui cambiando le distanze con il mondo si calibrano l’uso delle passioni e quello del «correlativo oggettivo» facendo emergere un tutto estremamente valido, una epopea rivelativa della quale si pone testimonianza.

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza