Servizi
Contatti

Eventi


Scrivere la recensione di questo libro non è stata un’azione immediata, così presa dalla sua atmosfera. Qual è la soglia – ammesso che vi sia! – tra sogno e realtà? Tra mondo onirico-illusorio e vita concreta?

Non è casuale che il titolo focalizzi l’attenzione sulla parola ombre, ma si gioca anche con lo spagnolo: hombres vuol dire uomini. Insomma, uomini-ombre sono i personaggi che affollano questo romanzo. Ancor meno definibile il protagonista K., che sovrappone (per buona parte della storia) la propria identità con quella di un altro: Joseph K. Ai più attenti non sarà sfuggito il rimando kafkiano. In realtà H-ombre-s pullula di rinvii letterari.

Il Castello, topos per eccellenza della letteratura, è luogo d’incontro dei personaggi più vari di tutti i tempi, che K. incontra man mano che si addentra nei suoi meandri. Rivivono Beatrice, Hamlet, i Sei Personaggi in cerca di autore, Pinocchio, i fratelli Karamazov, solo per citarne alcuni, tutti lì a interrogarsi sul senso della vita: la loro immortale ma illusoria, perché creata dagli autori di cui sono proiezioni, e quella vera, fuori dai libri, così precaria eppure così attraente, come il canto delle sirene. E dal desiderio di fondere sogno e realtà, l’autore dà vita alla soaltà.

Le pagine scorrono senza farci caso; i dubbi si intrecciano alle speranze; il richiamo alla vita innesca azioni intrepide. H-ombre-s è una summa, un’enciclopedia, una sfida per un critico a cui, tuttavia, Peralta va incontro con apposite note.

Questo romanzo ti cattura, ti incuriosisce, ti appassiona, ti stuzzica, ma soprattutto ti suggestiona con l’evocazione di luoghi tra l’antico e il magico (il castello, la torre, il salone degli specchi) e immagini sacre (l’albero della vita, il decimo cielo). E giunto alla fine, non hai voglia di lasciare tutti gli amici conosciuti, ma adesso sai dove cercare ognuno di loro.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza