Servizi
Contatti

Eventi


Ombre

Un libro di poesie in dialetto trentino con traduzione in italiano in fondo alla pagina. La poetessa tornata alla sua parlata quotidiana che non sempre possibile ridare in tutte le sue sfumature, pittoriche e musicali, nella lingua ufficiale. In ogni caso anche in quest’ultima, che ci dato di leggere, si nota un’incantevole fantasia che sa costruire i suoi fantasmi e conferire ad essi una nota inconfondibile. “Ancora innamorata la betulla | di quel raggio assassino che la corteggia | nell’ora dei tramonti sulle cime | dentro un singhiozzo di muschi disperati.” Come si vede da questo esempio la poetessa ama accostare semantemi incompatibili secondo il senso comune e la comune esperienza, ma che sortiscono un effetto suggestivo. Altrove: “Custode di conchiglie il movimento | di tempeste segrete dentro il cuore. | Nessuno potr mai accucciarsi | a un albero spezzato dal temporale.” L’accostamento dei due termini iniziali sfugge al senso comune ma non un dovere dei poeti attenervisi se vera l’affermazione futurista delle “immagini senza fili”.

Elogiative la prefazione di Elio Fox e la postfazione di Paolo Ruffilli, critici di alto valore che vedono in questa poesia una singolare costruzione affidata all’immediatezza e all’istinto (Ruffilli) e alla sua sconfinata fantasia (Fox) che taglia i ponti con il periodare tradizionale di chiara intellezione.

La natura nei suoi incontaminati spettacoli e la tradizione paesana che conserva valori ormai dismessi paiono essere i due fattori portanti dei vari contenuti delle singole composizioni, a cui si aggiunge l’amore (coniugale, materno, amicale) che rileva la delicatezza dell’anima della poetessa.

Recensione
Literary 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza