Servizi
Contatti

Eventi


Ultima fermata
                    Il detto e il non detto nei versi di Fabio Dainotti

poetrydream

Dalla nebbia dei ricordi riaffiorano immagini, visi, sguardi. Nei testi di Ultima fermata di Fabio Dainotti tutto è così tremendamente lontano, ma anche così tremendamente vicino, e in un certo senso ancora palpitante di vita.

Sembra quasi di poter allungare una mano e di poter toccare gli oggetti descritti, quel libro letto in silenzio, quel fiore spuntato all’ombra di un albero, quegli ombrelli venduti con il vecchio amico dalla lunga barba, andando in giro su quel furgone dal colore ormai indefinibile. Così come sembra di dover sentire da un momento all’altro le voci dei personaggi delle brevi storie in versi contenute nella raccolta, il Marco, la Carla, oppure il subdolo venditore di libri, oppure la giovane operaia, oppure la grande madre che aspetta il figlio, vestale minuta in gramaglie, laggiù in cucina. Questi sono i protagonisti di un mondo minore, di una realtà fatta di piccole lotte e di ingenue speranze, che l’autore osserva con disincanto e che descrive con il suo sorriso amaro.

I colori dei paesaggi, i rumori delle strade, i profumi, le attese, le partenze, i tradimenti, tutto è accaduto, e tutto torna nuovamente ad accadere, ogni volta che viene raccontato, come in un tempo senza tempo, come in un tempo che si ripete all’infinito.

I sentimenti vissuti una volta, oggi sono rimpianti, e le antiche ferite ancora non si sono rimarginate, e forse questo non accadrà mai. Non è facile leggere Fabio Dainotti, le assenze sembrano più importanti delle presenze e il detto sempre più spesso lascia il posto al non detto, così come la luce lascia il posto alle ombre. Le parole si perdono in una dimensione indefinita, in una sorta di labirinto della coscienza, ciò che sembra passato invece è il nostro presente, e il nostro presente diventa anche il nostro futuro.

E così poco per volta il vuoto si riempie della nostra stessa tristezza, dei nostri vecchi dolori, della nostra memoria, e della nostra voglia di tenere stretti tra le mani quei ricordi, ma allo stesso tempo di lasciarli cadere. Della nostra voglia di restare, ma anche di fuggire.

Nei versi di questa raccolta (ma in generale nei versi del nostro poeta) c’è grande attenzione per i particolari, un’aiola verde a Vimercate, il verde biliardo, il sole maliardo, il giornale sportivo sul tavolo, il tram che scompare tra le foglie rosse e gialle, il vialetto ghiaioso di Villa Malcontenta.

Sono dettagli, ma non sono solo dettagli. Per l’autore e per noi che leggiamo rappresentano molto di più. Sono le piccoli grandi cose di un mondo che è stato, di un mondo oramai confinato nel ricordo, al quale noi oggi guardiamo ancora con stupore. E nel miscuglio di sensazioni che restano, terminata la lettura di Ultima fermata, questa forse è quella che poco per volta prende il sopravvento.

C’è una poesia, tra le prime della raccolta, che racconta l’importanza di quel tempo. Si andava ‘Da Gisella’, nelle sere d’estate, in Franciacorta,a sentire il juke-box, un cerchio di splendore e intorno l’ombra. Erano gli anni Sessanta.

La nostalgia, quindi, è la nostra vera compagna. E si tratta di un dolore sottile, quasi impercettibile, che rimane sottotraccia, ma che non ci abbandona mai, dovunque noi andiamo, come fanno intendere questi versi: uno sguardo d’intesa, una parola smozzicata, tra una sigaretta e un bicchiere, sempre l’ultimo, quello della staffa. Oppure questi altri versi: ora è finita, eppure credevamo (o forse io credevo) il nostro breve amore imperituro.

Le poesie di Fabio Dainotti parlano alla parte più profonda di tutti noi. La sua voce e la nostra si sovrappongono, e infine si confondono. Le sue domande sembrano le nostre domande e le sue non risposte sembrano proprio le nostre non risposte.

Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza