Servizi
Contatti

Eventi


Suprema avventura
Riflessioni e meditazioni religiose

Il lettore che prende tra le mani Suprema avventura per leggere riflessioni e meditazioni religiose con sorpresa si trova sommerso da una mole di cultura storica e religiosa eccezionale, oltretutto rapito e trasferito con l’animo non nel mondo a volte pesante di certi storici o teologi, ma in un mondo di poesia avvincente, uscire dal quale, dovendo interrompere la lettura, costa sacrificio, perché una lettura piacevole, scorrevole, interessante, utile, che i cristiani non si dovrebbero perdere. E la poesia c’è proprio, in prima pagina. Anzi le poesie, che in sintesi riepilogano in versi, con la magia che è propria della poesia, il contenuto dei vari capitoli.

Fin all’inizio si percepisce la fede di un uomo che è abituato a lottare contro gli eventi di una vita non facile, cioè la vita di chi non vive trasportato dal tempo, bensì proteso verso orizzonti non facili da raggiungere, ma con l’impegno di non fermarsi, nella certezza, ovvero con la fede, che oltre il tempo c’è una mèta che vale la pena raggiungere.

Esordendo dall’Antico Testamento fa un compendio critico e accurato della storia del Cristianesimo, a partire dalla creazione, quindi i profeti, il Cristo, fino all’escatologia cosmica.

Il punto focale dell’opera è l’uomo, così come nel progetto divino di tutta la creazione. Il male domina il mondo, ma Dio, Sommo Bene, vincerà sul male. “Gesù crede fermamente che Dio Padre gli abbia affidato questo compito e questo potere al fine di portare l’umanità verso il Regno di Dio, nel quale il male sarà definitivamente vinto e scacciato.” Gesù per questo è venuto tra i mortali a portare col Vangelo questa buona notizia.

Giovanni Tavčar si fa interprete di questo infinito amore di Dio e ne fa la storia dettagliata e scrupolosa attraverso le vicissitudini della Chiesa, che è il Corpo Mistico di Gesù e a partire dalla vita mistica e contemplativa dei primi cristiani l’approfondisce dalle origini del Monachesimo fino all’evoluzione della Chiesa odierna. E’ come fare un tuffo in un mare di cultura con la guida sapiente dell’Autore, che non si esime dall’evidenziare pregi e difetti dei personaggi che hanno fatto e vissuto quella storia. Non lesina ammirazione e stima a San Francesco e, quasi volesse gareggiare con il grande Santo, tutto guarda, vede e propone alla luce della poesia. Ci si arresta infine vinti dallo stupore dinanzi all’esperienza di una vita vissuta nella continua ricerca del Vero Unico. Lo scrittore, che non so se sia meglio definire poeta, colpisce il lettore soprattutto per il suo animo profondamente esuberante di poesia che lo conduce al Divino Assoluto.

Con un’analisi ispirata da fervido amore commenta una gran parte delle parabole e trasporta il lettore nel tempo lontano in cui visse Gesù e insieme con la Buona Novella trasmette una profonda devozione a Dio e tutta la bellezza della sua anima. Tocca il cuore quando scrive relativamente alla sofferenza e al dolore. Leggendo si percepisce nell’animo dell’Autore un’esperienza personale; una pagina dopo l’altra ci accompagna lungo un cammino non facile e doloroso. Ma l’Autore non resta affaticato o schiacciato dal dolore e con una forza che ci fa ricordare Paolo di Tarso quando dice: ”Non sono io che vivo, ma è Gesù che vive in me”. A testa alta prosegue anch’egli nella sua corsa e la sua forza diventa esempio di Fede, perché s’immedesima nell’Autore, e riesce insieme con Lui a santificare il dolore, che non lo avvilisce, ma lo esalta e vede la vita con tutti gli ostacoli e le difficoltà come palestra, dove il dolore diventa un vessillo e ogni uomo alfiere con una mèta da raggiungere, dove il traguardo non è la fine, ma l’inizio di nuovi orizzonti: una suprema avventura.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza