Servizi
Contatti

Eventi


Fuori tempo massimo

Un anziano giornalista ormai in pensione e una giovane scrittrice si incontrano nella località adriatica di Caorle: lui, licenziato per far spazio ai più giovani, vorrebbe prendersi una rivincita sul piano professionale, lei è alla ricerca di una storia per il suo nuovo libro.

Dopo aver tentato a tutti i costi di mantenere l’anonimato, Ildo viene riconosciuto da Viviana che, conquistata la sua fiducia, cerca di strappargli preziose informazioni su qualche caso di cronaca rimasto insoluto e di cui l’uomo si è occupato. Il misterioso omicidio di una scultrice avvenuto anni prima diventerà l’ossessione di entrambi: la verità, raccontata in forma romanzata in un quaderno consunto dal tempo, giunge “fuori tempo massimo”, quando il principale accusato, dopo essersi difeso inutilmente, è ormai deceduto.

A Ildo restano i rimorsi, la consapevolezza di aver abbandonato l’indagine per fare carriera, alla donna uno spunto ulteriore su cui poter lavorare.

Costruito come un puzzle, il romanzo ingloba nell’intreccio tre segmenti autonomi: il racconto di viaggio, un thriller, una favola per bambini.

Ne è scaturito un omaggio alla scrittura, in cui il piano della realtà si intreccia con quello della fantasia, dove i protagonisti trovano rifugio dalle insoddisfazioni del quotidiano. Incerta su quale direzione prendere, la Chittero chiude la vicenda con un epilogo spiazzante che, in qualche modo, definisce il passaggio di consegne avvenuto: l’erede del vecchio leone che ha appeso la penna al chiodo sarà la cinica scrittrice a cui non mancano né intuito né determinazione.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza