Servizi
Contatti

Eventi


Il rumore delle foglie secche

Storie ordinarie, in cui ogni lettore potrà facilmente riconoscersi, sono quelle raccontate da Alida Casagrande che in questo testo teatrale analizza il deteriorarsi della passione in una coppia di borghesi alle prese con il matrimonio della figlia.

Giorgio e Zeffiria Alberti si sfidano in un duello verbale che mette in luce l’abisso che li divide: la pazienza dell’uomo è, infatti, messa a dura prova dall’atteggiamento provocatorio della moglie, ormai intenzionata a lasciarlo.

Le schermaglie non sono solo amorose ma anche sociali come è sottolineato dai battibecchi di Zeffiria con la cameriera e la contessa delle Rose.

Attraverso il matrimonio della giovane Aurora, la donna potrebbe realizzare il suo desiderio di ascesa sociale ma il confronto con la nobiltà la umilia per l’arroganza mostrata dalla futura suocera.

Nonostante le arie da signora, Zeffira è una credulona incapace di distinguere un’opera d’arte autentica da una volgare copia ed è così ingenua da farsi abbindolare da un donnaiolo incallito come Leone.

In cinque atti assistiamo alle disavventure sentimentali di Aurora, Zeffiria e della Contessa delle Rose che rincorrono amori impossibili e vengono puntualmente tradite.

All’Autrice va ascritto il merito di aver saputo ritrarre delle donne così credibili nei loro sogni e nelle nevrosi che le affliggono da sembrare vere.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza