Servizi
Contatti

Eventi


Elegia provinciale

Alleo discovering contemporary
cultures (Giugno 2008)

Tra gennaio e l’aprile di quest’anno ho dovuto leggere quasi cento romanzi pubblicati tra il gennaio 2006 e il dicembre 2007, per un premio letterario. Non so se definire l’esperienza sconvolgente o desolante. L’unica luce pierofrancescana (per intenderci quella che nasce da ogni particella di colore e sembra respirata da tutto il dipinto) me l’ha regalata Elegia provinciale, la bellissima opera di Giancarlo Micheli, uno scrittore, fino ad oggi, per me sconosciuto.

I personaggi, tutti raccontati con una attenzione dialettica tra il romanzo di tradizione e quello innovativo introdotto dai rondisti ed ex vociani nel primo Novecento, sono Giacomo Puccini, sua moglie Elvira, Doria Manfredi, una ragazza al servizio nella villa del Maestro, Torre del Lago (che è sì il luogo della scena, ma è carezzata e sentita come un corpo vivo) la sensuale Fosca, figlia di primo letto di Elvira, e Mario Crespi presentato come uno spiritello viaggiatore quasi sempre sui treni o in prossimità delle stazioni.

La fluida geometria della narrazione ha come centro la disperazione e, poi, il suicidio di Doria, accusata da un’Elvira, devastata dalla gelosia e ridotta a pura elettricità istintuale, di essere l’amante di suo marito e, in seguito, gradualmente emarginata dal paese e abbandonata persino dalla parrocchia nella persona di un prete impegnato a camminare dentro se stesso e lungo le strade fangose del luogo, perché perseguitato da due bravi collocati nella sua coscienza morale.

La cosa, però, davvero innovativa è la tecnica utilizzata da Micheli per raccontare i fatti. Siamo di fronte a un fenomeno di anaglittica lessicale, a scelte di finissimo intaglio espressivo: l’autore, prima, descrive la scena, dando l’impressione al lettore che le vicende non sarebbero state plausibili se non inserite in quel preciso contesto, quindi, introduce la sua musica, aprendosi al vento travolgente della poesia e della creatività totale. Tutta la storia è raccontata attraverso una scrittura polifonica che non ha niente a che vedere né con la bigiotteria linguaiola, né con l’esibizione acrobatica propria di quei personaggi che fanno venire in mente lo sprezzante giudizio di Cocteau sul narcisismo letterario di Flaubert “sempre con il fucile in spalla, ma incapace di colpire il bersaglio”.

Micheli si è reso conto che il “romanzo è una malattia del linguaggio”, che la capacità di raccontare si è pietrificata, che la lingua deve tornare a produrre coinvolgimento e sogno. Da qui il mosaico fatto di descrizioni rapite dove ogni situazione sembra essere partorita da quella che la precede, dove ogni lemma è l’eco, l’ombra dell’idea sulla cosa. Da qui i passaggi da un codice all’altro e l’inserimento nel pentagramma dell’italiano colto, di gioielli che possono implicare espressioni legate a superlingue classiche (il latino e il greco) o contemporanee (l’inglese, il tedesco) e al dialetto versiliese

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza