Servizi
Contatti

Eventi


Gli studi su Chiara d’Assisi non mancavano, su Jacopa erano scarsi. Nell’VIII centenario francescano sono state compiute riflessioni sul «femminile» nell’Assisiate, delle quali ricordiamo quelle di Bianca Pomari, psicanalista, e del padre Giannino Piana, docente universitario, che il di Ciaccia non ha potuto tener presenti perché edite nello stesso arco di tempo del suo articolo. Comunque, il lavoro in oggetto resta originale per la sua impostazione, perché pone a confronto le due «modalità», diverse e complementari, del «femminile»: quella di Chiara, nella dimensione della «signora» cortese, con una emblematicità, però, connessa alla «sponsalità» consacrata; quella di Jacopa, nella rappresentazione della fraternità umana e cristiana, in un vissuto di perfetta liberazione, di cui fu tipica l’elevatezza dell’esperienza francescana. Il disegno di tali archetipi-personaggi è guidato da un incisivo, ed acuminato, esame dei testi antichi, dei quali son tratti rilievi attinenti alla psicologia della spiritualità dell’Assisiate, spesso rilevata con dialettica critica ed esistenziale. L’articolo, tuttavia, ha anche il pregio di poter essere letto con facilità, presupponendo ovviamente una buona conoscenza delle fonti francescane.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza