Servizi
Contatti

Eventi


Spiriti di materia

Roberta degl'Innocenti e la sua Piazza dei Miracoli

Il nuovo Corriere di Firenze
Sabato 28 gennaio 2012

Spesso sono luoghi particolari a rendere memorabile una città. Non di rado è la cattedrale con la sua piazza che si popola di visitatori.

Ciò vale anche per Pisa, col Duomo al centro di “Piazza dei Miracoli”, così definita da Gabriele D’Annunzio per lo stupore e l’ammirazione che coglie chi si trova di fronte al candore dei marmi e al verde smeraldino della piazza erbosa.

Per me, poi, che fo fatto il servizio di leva nella attigua Via Roma, la piazza era il naturale approdo della libera uscita, ricordata in una quartina del mio ultimo libro: “com'é piccola Pisa / col suo campo smeraldo / e la gente che passa / attaccata a un filo / di matasse d’azzurro.”

In effetti, Pisa e il suo territorio hanno luoghi e momenti di luce folgorante.

Roberta Degl’Innocenti, nella poesia su Pisa in allegato, affida emozioni e sentimenti che questo habitat sollecita ad una compiuta modulazione del verso, sintesi di un complesso sostrato culturale.

Ricordiamo che l’autrice opera a tutto tondo, dalla critica alla narrativa, ha al suo attivo un ciclo di conferenze sul rapporto fra poesia e psicologia; presentazioni in Firenze, presso il Caffè Storico Giubbe Rosse, le Librerie Edison Book Store, Martelli, Alfani, Centro d’Arte Modigliani, ecc.

Questa sua visitazione della piazza del Duomo, in un taro pomeriggio invernale, è “folgorata” dalla luce, tanto da titolare “Folgore di bianco” il testo dove alla dissolvenza fra la geometria e la luce dei monumenti si aggiunge l’intreccio di colori e suoni delle bancarelle che stazionano sul lato della piazza.

L’incantamento è dichiarato già nei primi versi dove la “filigrana della pioggia” panneggia “leggera” la “folgore di bianco della piazza” e in quel “cerchio acceso” anche “le parole si piegano all’erba mossa del prato”, al modo delle “fresche parole” dannunziane.

Poi, mentre la sera “si sveste dei colori”, la piazza “sorride un po’ sorniona” e la città, con le sue “note dolci e strane, sembra accarezzare chi candida / mentre vi si attarda, il nitore dell’assoluto e la festa del quotidiano si uniscono in un “fermo immagine” che, rimanendo vivido nella memoria, sfida il tempo.

novecentopoesia@interfree.it
culturafirenze@ilnuovocorriere.it

Folgore di bianco
(Pisa, in dicembre
)

C’è una pioggia leggera in filigrana,
Piazza dei Miracoli è folgore di bianco,
si stagliano le sagome improvvise,
quasi un senso remoto, fanciulla
che si perde, ombre segrete trepide.
Nel cerchio acceso si piegano parole
all’erba mossa, inginocchiata fiera.
D’intorno il sogno è tintinnìo cortese,
le bancarelle giocano dicembre
in ritmi lenti e dondolìo di corpi.
Suadente la sera, si sveste dei colori,
sottile quanto basta al candore
di battiti gentili.
Nastri funamboli rotolano intatti
di giocolieri e fate madreperla.
Mi sorride la piazza un po’ sorniona,
in attesa composta, quasi un vanto,
al turgore bagnato del respiro.
Carezza inquieta, folletto impertinente.
Città Mistero di note dolci e strane.

Dal libro di Roberta Degl’Innocenti I graffi della luna
(Edizioni del Leone, 2012)

Materiale
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza